Io e mia moglie siamo rimasti entusiasti dell'Andalusia e pensiamo di tornarci. Abbiamo apprezzato molto la professionalità,la simpatia e la disponibilità della giuda al tour, Manuel, e delle guide locali. Il tour è stato ben organizzato anche se il giro giudato delle città lo anteporrei al giorno libero. Gli alberghi tutti ben ubicati e di livello molto buono dal punto di vista camere e pulizia, hanno mostrato una grossa lacuna nella ristorazione, e più precisamente della cena sia a livello qualitativo che quantitavo (scarsezza nella possibilità di scelta). In particolare a noi ed ad altri partecipanti al tour, circa una trentina di persone, dei diversi gruppi presenti in quel momento nell'hotel Siviglia Center, dopo la cena del secondo giorno, durante la notte siamo stati colpiti da enterocolite che per comprensibili motivi ha comportato anche il ritardo della partenza del tour e che ha visto la mostra guida (Manuel) prodigarsi per assisteci al meglio, mentre la Direzione dell'hotel si è limitata dopo vari solleciti da parte della nostra guida a metterci a disposizione del caffè e del tè, non proprio consigliati per la patologia sofferta in quel momento, ed a chiamare il servizio medico pubblico. Vorrei far presente per quanto concerne i voli aerei (Iberia) che ci sono spesso problemi di coincidenze, infatti nel viaggio di andata abbiamo dovuto letteralmente correre nell'aereporto di Madrid per non perdere il volo per Siglia che sulla carta ci era stato indicato un intervallo di un'ora e cinque minuti. Mentre nel viaggio di ritorno come molti altri viaggiatori abbiamo perso la coincidenza e abbiamo pernottato a Madrid a carico dell'Iberia. Così invece di ritornare a Roma domenica alle ore 22.10 siamo arrivati lunedi alle ore 12.00 circa con tutti i conseguenti disagi dalla fila per la richiesta alla compagnia aerea di un nuovo volo a quella della richiesta di ritiro bagagli ed infine agli impegni personali del lunedì mattina tutti saltati. Ciò al fine segnalare a voi l'opportunità di tener conto nei futuri viaggi, specialente nei periodi di maggior traffico, di aumentare l'intervallo di tempo tra arrivo e partenza nello scalo intermedio.


Gentile Signor D'Andrea,
la ringraziamo per il tempo dedicatoci e per lo spirito collaborativo.
Il corrispondente era gia' informato dell'accaduto e ha interpellato la direzione dell'albergo per provvedimenti. Ad onor del vero e' stato un caso eccezionale mai verificatosi prima come risulta dai tanti commenti ricevuti.
Per quanto riguarda le coincidenze, le segnalo che i sistemi di prenotazioni ci propongono automaticamente i voli di collegamento rispettando il "minimum connecting time" imposto dall'autorita' aeroportuali in accordo con le compagnie aeree.
Per questo motivo, come nel suo caso, la riprotezione e' a carico della linea aerea. Il suo suggerimento prezioso ci impone d'ora in poi di informare il passeggero sull'eventualita', peraltro prassi gia' sistematicamente adottata per alcuni aeroporti enormi come quello di
Francoforte dove i previsti 45 minuti di coincidenza, sono veramente esigui, specie se si tratta di due terminal diversi.

Siamo lieti che il suo viaggio sia risultato all'altezza delle aspettative e confidiamo di poterla annoverare in futuro tra i nostri clienti.

Ubuntu customer care

Ennio D'Andrea,