Namibia: terra delle meraviglie!

La Namibia è una terra magica, di contrasti ed armonia al contempo. Dove le calde dune del deserto del Namib accarezzano le gelide ed irrequiete acque dell'Oceano Atlantico generando frequenti nebbie che rendono l'atmosfera surreale. Dove il tipico rigore tedesco si fonde con il dinamismo e l'esuberanza africana.
E' un Paese di recente costituzione, si rese indipendente dal Sud Africa nel 1990, ed uno dei meno densamente popolati della terra. La sua cultura risente dell'influenza delle passate colonizzazioni, triste destino cui è stato sottoposto tutta l'Africa, è un' amalgama di tradizioni tedesche, boere ed inglesi evidente già nella toponomastica dei luoghi. Questa combinazione di culture tanto diverse tra loro unite alle radicate tradizioni africane, tuttavia, ne rafforzano l'incredibile fascino.
Per gli amanti della natura è una meta da non perdere. Dall'indipendenza ad oggi sono stati istituiti 8 parchi nazionali e vi è l'intenzione di crearne un nono; tanto è importante la conservazione della natura e la sua biodiversità per la Namibia, che la Costituzione stessa ne ha destinato un articolo. L'insieme delle sue aree naturali protette è estremamente vario, quanto il territorio che le ospita. Immense pianure, solitarie vallate si alternano a deserti e savane. Il deserto del Namib, il più antico del mondo, offre uno spettacolo unico alternando montagne di quarzo, pianure di pietrisco e le altissime dune, color albicocca, del Sossusvlei che giungono fino al mare. L'incredibile Fisher River Canyon, secondo solo al Grand Canyon, dove il sole al tramonto dona suggestivi giochi di luce e colori. Il Parco Nazionale Etosha che racchiude al suo interno il “Pan” una depressione desertica di origine salina, e il Caprivi un'area verde e rigogliosa ricca di vegetazione e fauna.
Si caratterizza per un clima arido ed è quindi visitabile tutto l'anno, nonostante ciò il periodo più piacevole è la stagione secca invernale, da maggio ad ottobre. E' meglio evitare il Namib-Nankluft Park e l'Etosha National Park nei periodi di maggiore caldo, ovvero da dicembre a marzo quando si sfiorano i 40°. Inoltre, da metà Dicembre a metà Gennaio, dalla fine di aprile ai primi di giugno, e dalla fine di agosto a metà settembre: periodi delle vacanze scolastiche di Namibia e Sudafrica le località di villeggiatura sono molto affollate.
Molte sono le possibilità che offre questo piccolo gioiello incontaminato, capace di regalare emozioni uniche.
Un viaggio in Namibia vi rapirà il cuore!

I commenti sono chiusi