Il solleone

Il solleone persevera sulla nostra penisola, anche se il 22 agosto ha segnato l'uscita cronologica dal segno zodiacale del leone (probabile riferimento dal quale nasce appunto “solleone”). Per molti, il prossimo week end segnerà la ripresa della quotidianità; per tutti, dopo una pausa che di sicuro sarà breve, comincerà il momento di programmare le prossime vacanze. L'abbiamo scritto spesso, prepararsi a viaggiare fa parte del piacere stesso del viaggio: la programmazione dei particolari e l'attesa della partenza si fonderanno poi con il pensiero dolce del ricordo della nuova esperienza complessiva. I prossimi mesi invernali saranno la stagione ideale per rincorrere il sole nei deserti o sull'estese piantagioni di riso del Sud-Est Asiatico o per vederlo, naso all'insù, filtrato nel fitto della giungla. Abbiamo ancora la possibilità di vedere Paesi che non sono ancora preda od ostaggi dell'urbanizzazione dissennata o dove il ridotto flusso turistico ci permette, come esploratori d'altri tempi, di vivere tramonti silenziosi in una natura affascinante, mozzafiato e protagonista. L'Oman è senz'altro il luogo dove il deserto si contende il confine con l'oceano, in un'estensione che diviene intero parco naturale e habitat privilegiato di uccelli, tartarughe e delfini. Ancora, altri Paesi in cui da poco le frontiere consentono di raggiungere siti del mito come Angkor, dove l'atmosfera impregnata di spiritualità che si é fatta materia toccherà le corde più sensibili, ed ancora altri vicini luoghi della memoria che si abbracciano a quelli del futuro nell'emergente Vietnam. Dovunque troverete gente cordiale che ha fatto dell'ospitalità una religione e che al vostro sorriso risponderà con gratitudine e vi confermerà, ancora una volta, la vostra consapevolezza di essere cittadini del mondo. Approfittate dell'occasione per assaporare le prelibatezze locali: magari mangiando con le mani il pesce freschissimo o il riso; accogliete la novità, la diversità e la grande bontà degli odori e dei sapori, perché sia un viaggio che non dimentichi nessuno dei sensi. Il viaggio è una ricchezza, un'esperienza di vita che aiuta a qualificarne il senso; per noi è anche un lavoro appassionante; per tutti, lo sappiamo bene, è una vera fortuna.

I commenti sono chiusi