Nepal e Tibet, ad un passo dal cielo

DURATA: 15 giorni / 14 notti

TIPOLOGIA: tour di gruppo, minimo 2 massimo 12 partecipanti

CODICE ITINERARIO: 14510

1° giorno: Kathmandu
Colazione in hotel, pranzo e cena liberi
Arrivo all'aeroporto internazionale di Kathmandu e disbrigo delle formalità doganali, accoglienza in lingua inglese. Trasferimento privato in hotel e sistemazione nella camera riservata. Resto della giornata a disposizione. Alle ore 10 del mattino o alle ore 16 (in base al vostro orario di arrivo), briefing sul tour con il personale locale, e compilazione del modulo di richiesta visto Cina (consegna passaporti e importo per l'ottenimento del visto); se il volo dovessee arrivare in serata, il briefing è fissato per le 8 del giorno successivo. Pernottamento.

2° giorno: Kathmandu
Colazione in hotel, pranzo e cena liberi
La giornata inizia con la visita di Pashupathinath, il tempio induista più importante del paese. Ogni giorno centinaia di fedeli e pellegrini si radunano lungo le rive sacre del Bagmati assieme ai santoni, per prendere parte a cerimonie religiose e funerarie con le tradizionali pire. Si prosegue per Bhoudanath, lo stupa buddhista patrimonio UNESCO più grande del paese che domina il paesaggio dai suoi 36 metri di altezza. L'afflusso di molti rifugiati dal Tibet, fa si che questa zona di Kathmandu sia particolarmente ricca di monasteri buddhisti. Nel pomeriggio si visita lo stupa patrimonio UNESCO di Swoyambhunath, detto anche il Tempio delle Scimmie, eretto alla sommità di una collina dalla quale si gode un bellissimo panorama sulla città. La giornata di visite termina con il centro storico di Kathmandu, con piazza Durbar, la casa della dea vivente Kumari, i templi del centro e i mercati locali. Rientro in hotel. Pernottamento.

3° giorno: Kathmandu
Colazione in hotel, pranzo e cena liberi
Partenza per la città medievale patrimonio UNESCO di Bhaktapur (13 km, ca. 30 min di viaggio), splendidamente restaurata, che preserva un forte carattere tradizionale. Ricchissima di splendidi monumenti di arte newari, come la grande pagoda a cinque livelli di Nyatapola e le tre piazze di Durbar, Tumadhi e Dattatraya. La cittadina con i suoi vicoli, sottopassaggi, cortili, piazze, templi e palazzi fa da sfondo ad vita artistica e culturale brulicante. Nel pomeriggio si prosegue per la vicina città di Patan, la città delle belle arti. Con la sua magnifica piazza Durbar, patrimonio dell’umanità dell’UNESCO, e il suo museo nel vecchio palazzo reale, vi introduce perfettamente alle religioni hindu e buddhista. Rientro in hotel. Pernottamento.

4° giorno: Kathmandu
Colazione in hotel, pranzo e cena liberi
Si esce dalla città per visitare la collina di Chobar, con la visita del curioso tempio di Adinath Lokeshwar; risalente al XV secolo e caro alla devozione indù e buddhista, offre un panorama mozzafiato sulla capitale e la valle. Si prosegue per la vicina Kirtipur, caratteristico borgo che ospita il Tempio di Bagh Bhairav -dedicato a Shiva, è uno dei più antichi templi a piani multipli della Valle, più volte restaurato nel corso dei secoli- e il Tempio di Uma Maheshvar (XVII sec.) che, oltre a esibire dei superbi esempi di decoro architettonico ligneo, offre uno straordinario scorcio sulla vallata. Visita di un convento tibetano. Rientro in hotel verso l'ora di pranzo, e briefing per l'ingresso in Tibet del giorno successivo (discussione dell'itinerario e riconsegna passaporti con visto). Resto della giornata a disposizione. Pernottamento.

5° giorno: Tsedang
Colazione in hotel, pranzo e cena liberi
In mattinata trasferimento in aeroporto e imbarco sul volo per Lhasa che durerà circa 1 ora, durante il quale si potrà ammirare il Cho Oyu (8201 m), lo Shisha Pangma (8027 m), l'Everest (8848 m), il Lhotse (8516 m), il Makalu (8463 m) e il Kanchenjunga (8586 m), oltre a innumerevoli vette sorvolando la catena Himalayana. Arrivo e disbrigo delle formalità doganali, incontro con la guida e proseguimento per il fiume Tsangpo per Tsedang, centro storico del Tibet nella valle dello Yarlung Tsangpo. Tempo permettendo, lungo il percorso si visiterà il monastero di Mindroling, uno dei più importanti monasteri Nyingmapa fondato da Rigzin Terdak Lingpa nel 1676. Sistemazione in hotel nella camera riservta. Pernottamento.

6° giorno: Lhasa
Colazione in hotel, pranzo e cena liberi
Visita a due dei siti più antichi del paese, il castello-monastero di Yumbu Lakhang e il monastero di Tandruk. Sulla via per Lhasa si attraversa il fiume Tsangpo per visitare il monastero di Samye, il primo monastero buddista del Tibet; costruito nella seconda metà dell'VIII secolo, racchiude in se i tre stili artistici indiano, tibetano e cinese. Al termine della visita si prosegue per il monastero di Thupten Dorje Drak, fondato da Rigdzin Godemchen Ngodrub Gyeltsen (1337-1409) nel Tsang e trasferito nel 1632 nella locazione attuale. Assieme a Mindroling è il più importante monastero Nyingmapa del Tibet centrale (Ü-Tsang). Si prosegue per Lhasa, dove si arriverà dopo circa 4 ore di viaggio lungo panorami indimenticabili. Sistemazione nella camera riservata. Pernottamento.

7° giorno: Lhasa
Colazione in hotel, pranzo e cena liberi
Visita dell’enorme palazzo del Potala, patrimonio UNESCO, che sovrasta la città con i suoi 13 piani, una altezza complessiva di 117 m e larghezza di oltre 400 m; contiene oltre 1000 stanze ed era sede del governo (Kashang) e del Dalai Lama fino al 1959. La visita del Potala sarà breve secondo nuove direttive generali, per poter accontentare tutti i visitatori interessati, durerà infatti circa un'ora. Successivamente si visiteranno i palazzi e giardini del Norbulingka, fondati nel 1755 dal VII Dalai Lama come residenza estiva e oggi patrimonio UNESCO. Ogni anno si tiene qui lo Shonton Festival, somma celebrazione della tradizione buddhista e dei suoi capisaldi di rispetto per ogni creatura vivente, impreziosita da esibizioni teatrali tibetane tradizionali. Nel pomeriggio visita del centro storico del Barkhor, con lo splendido monastero-tempio dello Jokhang, il più importante del Tibet, fondato dal re mitico Songtsen Gampo nel 652 e dedicato a Jowo Rinpoche e il tempio di Ramoche. Rientro in hotel. Pernottamento.

8° giorno: Lhasa
Colazione in hotel, pranzo e cena liberi
Visita dell’impressionante città monastica di Drepung (fondata nel 1416) e sede dei Gelug-pa (“berretti gialli”). Prima del 1959 fù il più grande monastero del Tibet e del vicino tempio di Nechung, fino al 1959 sede dell’Oracolo di stato tibetano, contiene affreschi considerati fra i più belli del paese. Nel pomeriggio si visita la città monastica di Sera (Se ra Theng chen gling, 'Siepe di Rose'), fondata nel 1419 da Jamchen Chojey discepolo di Jhe Tsongkhapa, fondatore della scuola Gelug-pa, dove ogni pomeriggio si può assistere ai famosi dibattiti filosofici dei monaci. Poco distante da Sera si visita il monastero di Pabongka, detto il "palazzo in pietra gigante" perchè costruito su una roccia enorme. La leggenda narra che qui sia stato inventato l'alfabeto tibetano. Rientro in hotel. Pernottamento.

9° giorno: Gyantse
Colazione in hotel, pranzo e cena liberi
Si lascia Lhasa per tornare al fiume Tsang-po, risalendo le innumerevoli serpentine fino al passo Khamba La (4794 m), da dove si gode un panorama indimenticabile sul lago Yamdrok Tso e le montagne dell'Himalaya. Si scende il passo sino al lago Yamdrok Tso (4410 m), uno dei 4 laghi sacri per i buddisti tibetani, così grande che lo si costeggierà per circa 50 chilometri durante il percorso. Dopo pranzo si prosegue per il secondo valico del giorno, il Karo La (5015 m), spettacolarmente affiancato dai ghiacciai tra i monti Ralung Ri (6236 m) e Nozing Khang Sa (7223 m). Si arriva a Gyantsedopo un viaggio di circa 5 ore. Si visiterà lo stupa monumentale Gyantse Kumbum, costituito da più piani progettati secondo una planimetria mandalica su 4 piani con 108 cappelle piene di statue ed affreschi, e il monastero Palkor Chode. Il centro della cittadina merita una passeggiata, in quanto ancora vi regna l'atmosfera di un antico centro tibetano. Sistemazione in hotel nella camera riservata. Pernottamento.

10° giorno: Shigatse
Colazione in hotel, pranzo e cena liberi
Visita del monastero di Shalu, fondato nel 1040 da Chetsun Sherab Jungnay, che preserva meravigliosi affreschi e un tetto in stile cinese, caratteristica unica fra i monasteri del Tibet centrale. Giunti a Shigatse, si visita il grandioso monastero del Tashilumpo, ricco d’inestimabili tesori, che fu fondato dal primo Dalai Lama Gendun Drup nel 1447. Questo complesso monastico è la residenza tradizionale della seconda carica politico-religiosa del Tibet, il Panchen Lama, capo spirituale dei Nyingmapa. Vivono al suo interno circa ottocento monaci, le attività di studio e di preghiera sono inarrestabili. La sala del Buddha più grande del Tibet, le tombe dei Panchen Lama ricoperte di fregi d’oro, di argento e pietre dure, le antiche sale di preghiera con le raccolte di dipinti sacri anneriti dal fumo delle lampade a burro...tutto ci parla del grande ruolo religioso e politico che il monastero ebbe nei secoli passati. Sistemazione in hotel nella camera riservata. Pernottamento.

11° giorno: Old Tingiri
Colazione in hotel, pranzo e cena liberi
Visita del monastero di Nartang, che risale al XII secolo e contiene una preziosa raccolta di matrici in legno del Canone Buddista Tibetano. Si prosegue per l'imponente monastero di Sakya, fondato nel 1073 da Konchok Gyalpo, che prese la forma di oggi tra il 1268 e il 1365. Ricorda più una enorme fortezza che un luogo di meditazione e studio religioso. Fù solo nel 2003 che si scopri la grande biblioteca di Sakya, contenente più di 84000 volumi, molti dei quali dimenticati per centinaia di anni. Rientro sulla Friendship Highway, con le sue pittoresche rovine delle fortezze erette durante la guerra fra Nepal e Tibet fino a Lhatse, dove la strada si divide per il Ngari (regione Kailash) e quella che porta in Nepal. Seguiamo la seconda che porta oltre il passo del Gyatso La (5260 m), il punto più alto del viaggio, per entrare nel altipiano di Tingiri, avamposto della catena Himalayana. Ci si prepara ad una notte a 5000mt di altezza, ai piedi della montagna più alta del mondo. Sistemazione in hotel nella camera riservata. Pernottamento.

12° giorno: Rongphu
Colazione in hotel, pranzo e cena liberi
Visita del monastero di Shelkar Choede, fondato nel 1266 e parte del Shegar Dorje Dzong ("cristallo bianco"). Spettacolarmente arroccato sul monte, raggiungibile con una breve camminata di 20 minuti passando il villaggio ai suoi piedi. Si prosegue lungo il passo del Pang La (5200 m), dal quale si vedono il Makalu (8481 m), il Lhotse (8516 m), l'Everest (8848 m), il Cho Oyu (8210 m) e il Shisha Pangma (8013 m). Si scende nella valle che porta al monastero Nyingmapa di Rongphu, fondato nel 1902 da Tsedru Ngawan Tenzin, che ospitava fino a 500 monaci monache in mezzo a uno dei panorami più mozzafiato del mondo, prima di essere distrutto completamente nel 1974. La grande biblioteca, le maschere e i costumi per le danze furono salvati e portati a Tengboche, ma furono sfortunatamente perse in un rogo nel 1989. Oggi una trentina fra monaci e monache risiedono nel monastero. Sullo sfondo la spettacolare parete Nord dell'Everest o Chomolongma, che si innalza ancora per oltre 3500 metri verso il cielo. Sistemazione in hotel nella camera riservata. Pernottamento.

13° giorno: Kyirong
Colazione in hotel, pranzo e cena liberi
Si rientra, accompagnati dal panorama delle vette Hymalayane, oltre il passo di Pang La verso Shegar, sulla Friendship Highway. Da qui si prosegue per la piana di Tingri fino poco prima del passo Lalung La, per deviare sulla strada che porta nel remoto ovest del Tibet fino al Kailash e Kashgar. Si passa allo stupendo lago del Paiku Tso (4600 m) accompagnati da indimenticabili panorami sul Shisha Pangma (8013 m), l'unica vetta oltre gli ottomila metri interamente in Tibet. Si attraversa l'ultimo e più alto passo del Tibet, il Ghungtang La (5236 m) per raggiungere Dzongkha (Gyirong, 4040 m). Da qui si devia per la valle del Kyirong Tsangpo, raggiungendo infine Kyirong (2600m, 380 km, ca. 6-7 ore di viaggio), la "valle della felicità"; con un clima molto mite per il Tibet, incastonato dallo Shisha Pangma, Langtang e Ganesh Himal, ospita il tempio-monastero di Pabka in un unico stile nepalese-tibetano. Sistemazione in hotel nella camera riservata. Pernottamento.

14° giorno: Kathmandu
Colazione in hotel, pranzo e cena liberi
Dopo l'ultima colazione in Tibet, si scende alla frontiera dove saluterete la vostra guida e autista tibetani. Svolgimento delle formalità doganali aiutati dal nostro assistente locale, per assicurare un passaggio di frontiera senza complicazioni. Su di una Jeep privata inizia il percorso per la valle di Kathmandu (180 km, 8-10 ore di viaggio); si prosegue per Dunche e successivamente Trisuli, da qui la strada si fa molto più piacevole essendo asfaltata. Un' ultima salita porta oltre il passo di Kakani (2030 m), dove si può ancora godere dei stupendi panorami sull'Himalaya prima di iniziare la discesa verso la valle di Kathmandu. Sistemazione in hotel nella camera riservata. Pernottamento.

15° giorno: Kathmandu/Partenza
Colazione in hotel, pranzo e cena liberi
Gironata a disposizione per tempo libero, camere riservate fino a mezzogiorno. Trasferimento per l'aeroporto in tempo utile per la partenza del volo di rientro in Italia.

Sistemazione alberghiera, o similare:
Kathmandu, Hotel Vaishali 4*, Apsara Boutique Hotel 4* o Hotel Nepali Ghar 3*
Lhasa, Gyangyen Hotel 4* o Hotel Shangbala 4*
Gyantse, Hotel Gyantse 3* o Hotel Yeti 3*
Shigatse, Hotel Shigatse 4*, Tashi Choeta Hotel 4* o Qomolangzong Hotel 4*
Old Tingri, Snow leopard Guest House (“best Wing”) 1* o Hahu Hotel 2*
Tsedang, Hotel Tsedang 4* o Hotel Yarlung River 4*
Rongphu, Platform Guest House 1* o  Rongphu Monastery Guesthouse 2*
Kyirong, Hotel Kyirong Grand 2*

Post it

  • Il visto Nepal si ottiene direttamente all'arrivo in aeroporto a Kathmandu al costo di circa 25 dollari: sono necessari il passaporto con validità di almeno 6 mesi dalla data di rientro in Italia e almeno 2 pagine libere e due fototessera
  • Per l'ottenimento del visto consolare "turistico" per la Cina, che verrà richiesto direttamente all'ambasciata cinese a Kathmandu, sono richiesti:
    a) Passaporto con validità minima di 6 mesi con due pagine libere consecutive (ATTENZIONE: prima dell’invio del passaporto vi invitiamo a verificare che siano presenti gli eventuali visti Cina richiesti in precedenza, in caso di visti mancanti o scollati il consolato potrà rifiutare la richiesta.)
    b) 1 fototessera (a colori, recente, a capo scoperto, volto frontale intero, con sfondo chiaro e dimensioni: 4,8 x 3,3 cm)
    c) Stampa della prenotazione dei voli A/R
  • Per i viaggiatori Single è possibile richiedere la condivisione di una camera doppia con altro partecipante dello stesso sesso, per poter risparmiare il supplemento singola.
  • In Nepal e Tibet non sempre i servizi in loco e le strutture sono paragonabili agli standard europei: si richiedono pazienza, un minimo di spirito d'adattamento e collaborazione.
  • Non essendo prevedibile l'orario di arrivo e partenza dei singoli partecipanti, il primo e l'ultimo giorno non è prevista guida parlante italiano; l'assistenza in loco in inglese e' garantita 24h, così come quella dall'Italia
  • E' possibile optare per il supplemento di mezza pensione (include cene in hotel) o pensione completa (pranzi in ristornate locale in corso di escursione e cene in hotel)
  • La rete stradale in Tibet principale è ormai completamente asfaltata; e vie di collegamento tra le grandi città sino al confine con il Nepal sono scorrevoli e percorribili con qualsiasi mezzo di trasporto. I limiti di velocità imposti sono di circa 50/60 km orari, ci sono molti controlli, brevi tragitti possono pertanto sembrare piuttosto lunghi.
  • La strada sul lato nepalese al confine con il Tibet attraversa una regione relativamente instabile, con piccole frane che possono ostacolare il tragitto sopratutto durante il periodo delle piogge monsoniche (da giugno a fine settembre). In caso di interruzioni, ci si organizza a percorrere brevi tratti a piedi o, quando è possibile, utilizzando mezzi locali alternativi occasionali. E' possibile, a pagamento, l'utilizzo di elicotteri privati in condivisione con altri viaggiatori per il rientro a Kathmandu.
  • Quando il viaggio porta a quote oltre i 2500 metri, gli itinerari sono studiati al meglio per permettere un acclimatamento e per evitare eventuali rischi di mal d'altitudine (AMS o Acute Mountain Sickness). Per questo sono incluse a volte tappe che possono sembrare anche troppo "corte" e giornate di riposo. Le nostre guide sono esperte nel riconoscere eventuali sintomi e sanno reagire adeguatamente in tali circostanze. Per favorire l’adattamento all’altitudine consigliamo, nei primi giorni, di mangiare poco, bere molto (2-3 litri d’acqua al giorno) e fare attenzione a non esagerare nello sforzo fisico. Con queste accortezze la maggioranza delle persone non ha problemi che vadano oltre un mal di testa e nel giro di due giorni è solitamente possibile muoversi con facilità.

VIAGGIO DI 15 GIORNI / 14 NOTTI - MINIMO 2 PARTECIPANTI - SOLO SERVIZI A TERRA

Data Partenza Quota per persona in camera doppia Supplemento Singola
21/07/19 - 11/08/19 - 18/08/19 - 15/09/19 - 20/10/19 2300 461

Supplemento mezza pensione, per persona € 193
Supplemento pensione completa, per persona € 343

La quota comprende

  • trasferimenti privati con autista parlante inglese in mezzi adeguati al numero dei partecipanti
  • Jeep da Kyirong a Kathmandu (4 partecipanti per Jeep) con autista con lingua inglese basilare
  • guida parlante italiano dal 2 al 14 giorno
  • guida certificata tibetana parlante inglese per tutto il soggiorno in Tibet
  • 14 pernottamenti in camera doppia con trattamento come da programma; pernottamento in camerate con bagno in comune a Rongphu
  • ingressi a tutti i siti e parchi nazionali menzionati nel programma
  • assistenza 24 h durante il viaggio
  • Tibet Travel Permit" e “green fees”
  • assicurazione medico bagaglio INTERMUNDIAL con massimale fino a € 1.000.000
  • kit da viaggio

La quota non comprende:

  • visto Cina da pagare in loco, per persona €85
  • visto Nepal da pagare in loco, per persona $25 o equivalente in €

I commenti sono chiusi