Kirghizistan e Kazakistan: passato, presente e futuro

DURATA: 10 giorni / 9 notti

TIPOLOGIA: tour privato minimo 2 partecipanti con partenze giornaliere

CODICE ITINERARIO: 15104

1° giorno: Bishkek
Cena in ristorante locale.
Arrivo all'aeroporto internazionale di Bishkek e disbrigo delle formalità doganali. Incontro con la guida per il trasferimento in hotel, camera disponibile sin da subito per un po' di riposo. Late breakfast e inizio della giornata di visite. Si inizia con l' Osh bazaar; nel paese il bazaar resta il luogo di aggregazione economica e culturale per eccellenza, occasione per incontrarsi, acquistare e vendere prodotti locali. I bazaar sono sempre più belli e colorati il mattino, il momento perfetto per esplorarli! Nel pomeriggio visita del centro città: Piazza Ala-Too, Oak Park, Museo di Arte Contemporanea, il Museo di Chingiz Aitmatov -famoso scrittore locale-, la Filarmonica, Piazza della Vittoria e il museo diffuso di belle arti. Ci sarà l'occasione di passare del tempo al parco naturale di Ala Archa per una passeggiata. Cena in ristorante locale. Pernottamento.

2° giorno: Bishkek – Tamga (320 km)
Pensione completa.
Partenza per Tamga, lungo le rive del lago Issyk Kul; è il secondo lago montano più grande al mondo dopo il Titicaca con un'ampiezza di 200x60km, nel suo punto più profondo misura 730m. Lungo la strada è prevista un'escursione a Burana, un'insediamento datato II° secolo di notevole importanza nelle vicende della Via della Seta. Visita dello Skazka Canyon per una passeggiata di 1 ora e mezza circa; in Russo Skazka significa "luogo delle meraviglie", ed è effettivamente così...qui si respira un'aria quasi mistica. All'arrivo a Tamga sistemazione nel campo delle yurte, cena e pernottamento al campo.

3° giorno: Tamga – Karakol (150 km)
Pensione completa.
Risveglio nell'indimenticabile cornice del lago, e partenza per Karakol. Lungo il percorso visita alle formazioni rocciose di Red Rocks nella valle di Jety-Oguz. All'arrivo a Karakol visita della moschea e della chiesa ortodossa in legno risalente al XIX°. Pomeriggio a disposizione per tempo libero e relax. La cena sarà presso una famiglia Uighur, etnia mussulmana di lontana origine cinese. Pernottamento in hotel.

4° giorno: Karakol - Tepke Village – Cholpon Ata (180 km)
Pensione completa.
Se dovesse essere domenica, visita all'autentico e pittoresco mercato settimanale degli animali. Trasferimento a Tepke per assistere alla marchiatura dei cavalli da parte dei mandriani locali, e visita della fattoria. Prima di pranzo -servito nella guest house della fattoria stessa- corso rapido per la preparazione del Boorsok, un pane locale fritto simbolo della cucina kirgiza. Si prosegue per Cholpon Ata. All'arrivo check in e sistemazione nella camera riservata. Tempo a disposizione per una passeggiata lungo le rive del lago. Cena e pernottamento in hotel.

5° giorno: Cholpon Ata – Chon Kemin (180 km)
Pensione completa.
Trasferimento verso il Parco Nazionale di Chon Kemin. Lungo il percorso sosta per l'imperdibile visita del museo a cielo aperto dei pietroglifi, che conta più di 2000 incisioni datate dall'800 a.C. al 1200 d.C.; il sito era un enorme tempio a cielo aperto, riservato a sacramenti e celebrazioni. All'arrivo a Chon Kemin, check in alla guesthouse e pomeriggio a disposizione. E' possibile fare delle passeggiate a cavallo. Cena e pernottamento alla guesthouse.

6° giorno: Chon Kemin – Almaty (350 km)
Pensione completa.
Partenza per il confine tra Kirghizistan e Kazakistan, e dopo il disbrigo delle formalità doganali, proseguimento per Almaty. Fu capitale del paese per circa 70 anni; serviva principalmente gli interessi dell'Unione Sovietica ed era il centro amministrativo del paese; attualmente è ancora un grosso centro economico-commerciale, e hanno qui sede alcune tra le banche più importanti del paese -come la Kazkommertsbank-. Escursione ai pinnacoli di Tamgaly-Tas lungo l' Ili River. Si tratta di 18 rocce che svettano oltre i 60 metri e racchiudono in se delle grotte, sono una delle attrazioni cultural-naturalistiche più importanti del paese; non sono infatti solo molto belli sotto il profilo naturalistico, ma custodiscono delle immagini di Bhudda e iscrizioni tibetane datate XIV-XVI°secolo. Si può parlare di un vero e proprio monastero buddhista en plen air! Rientro ad Almaty, check in e sistemazione nella camera riservata. Cena e pernottamento in hotel.

7° giorno: Almaty
Pensione completa.
Giornata dedicata alla visita della città. Si inizia da Panfilov Park dovesi trova il luogo più famoso della città: la Cattedrale di Zenkov. Costruita nel 1907 senza l'impiego di un singolo pezzo di metallo, è l'edificio in legno più alto al mondo. All'interno dello stesso parco di trova anche il Memoriale della Gloria Sovietica, tributo a 28 uomini che -così racconta la storia- durante la Seconda Guerra Mondiale scacciarono a piedi 50 carri armati. Visita del museo di storia locale, e tempo libero al Green Bazaar. Cena e pernottamento in hotel.

8° giorno: Almaty/Astana
Pensione completa.
Mattinata dedicata alla visita del Complesso Sportivo Medeo, che ospita la pista di pattinaggio velocistico più grande al mondo; nelle immediate vicinanze si trova la cabinovia che conduce agli impianti sciistici di Shymbulak, per una vista panoramica eccezionale. Trasferimento all'aeroporto in tempo utile per il volo su Astana. All'arrivo, trasferimento in hotel e sistemazione nella camera riservata. Cena e pernottamento.

9° giorno: Astana
Pensione completa.
Incontro con la guida e partenza per il tour panoramico della città, definita "la capitale più strana del mondo". Astana acquisì il suo ruolo dolo dopo la dissoluzione dell'Unione Sovietica, divenne infatti importante avere come capitale una città nuova e più vicina alle necessità del popolo. Fù così che il governo ha incaricò architetti ed esperti di pianificazione urbana di fama mondiale di progettare la futura capitale; tra le molte proposte, il giapponese Kisho Kurokawa propose il design inclusivo e moderno che fu successivamente adottato. Astana è una metropoli moderna, che non ha niente da invidiare alle grandi città occidentali. Il modo migliore per capire la città è visitare il Museo del Kazakistan, luogo moderno che racchiude in se artefatti di diverse epoche storiche. La tappa successiva è Piazza dell'Indipendenza, molto probabilmente una delle piazze più grandi che abbiate mai visto, adornata da colonne e capitelli; gli edifici che la circondano sono un mix di stili moderni, e il risultato complessivo è semplicemente stupefacente. Nelle immediate vicinanze si trova la Moschea di Hazrat Sultan, la più grande di tutta l'Asia; l'edificio ricorda un palazzo orientale, nella la sua costruzione furono impegnati più di 1500 uomini, e il risultato è il segno distintivo della Capitale. Nel pomeriggio salita alla Baiterek Tower per una vista memorabile sulla città; la torre ha la forma di un'albero che accoglie un gigante uovo dorato lasciato da un'uccello magico, come racconta il folclore locale che qui si lega alla modernità più assoluta. La giornata di visite termina con il centro commerciale di Khan Shatyr...anche se è un po' riduttivo chiamarlo così. L'edificio a forma di tenda è di per se' un capolavoro, ed è il più grande al mondo con questa forma. Cena e pernottamento in hotel.

10° giorno: Astana/Italia
Colazione in hotel.
Trasferimento all'aeroporto, in tempo utile per il volo di rientro in Italia.

Sistemazione alberghiera proposta in tour (o similare):
Bishkek, Asia Mountains Hotel 3*
Tamga, NoviNomad Yurt Camp (ogni yurta accoglie 4 persone, ha servizi igenici di stampo europeo e doccie all'esterno)
Karakol, Amir Hotel 3*
Cholpon – Ata, Raduga Hotel 3*
Chon – Kemin, Kemin Guesthouse (camere doppie con bagno privato)
Almaty, Voyage Hotel 3*
Astana, Ibis Hotel 3*

Post it

  • Per l'ingresso in Kirghizistan e Kazakistan è necessario il passaporto avente validità minima di tre mesi dalla data di partenza dal Paese.
  • A partire dal 1° gennaio 2017 in Kirghizistan e Kazakistan è prevista l’esenzione dal visto per i soggiorni fino a 30 giorni per i cittadini italiani.
  • All'ingresso in Kirghizistan occorre compilare una dichiarazione nella quale si indica, fra le altre cose, l’eventuale possesso di oggetti preziosi o armi. Il documento dovrà essere conservato fino al momento dell’uscita dal Paese.
  • All’ingresso in Kazakistan è necessario registrarsi attraverso una Carta di Migrazione da richiedere e compilare all’aeroporto. E’ bene prestare attenzione a che le guardie di frontiera appongano effettivamente il timbro di ingresso anche sulla Carta, oltre che sul passaporto: questo certifica l’effettiva registrazione su suolo kazako.
  • Questo tour è consigliato per persone con un buon livello di preparazione fisica.
  • E' bene ricordare che la puntualità non è un punto forte da queste parti, soprattutto nelle zone rurali, e che eventuali ritardi non sono per forza imputabili ad un'organizzazione imprecisa, quanto all'indole delle persone locali.
  • In Kirghizistan e Kazakistan le persone sono molto amichevoli e disponibili a farsi fotografare; tuttavia, nelle zone rurali è meglio chiedere il permesso prima di scattare fotografie, le persone potrebbero offendersi.

VIAGGIO DI 10 GIORNI / 9 NOTTI - MINIMO 2 PARTECIPANTI - SOLO SERVIZI A TERRA

Data Partenza Quota per persona in camera doppia
dal 01/04/19 al 15/12/19 2450

Supplemento guida in italiano: € 265 da suddividere per il numero di partecipanti

La quota comprende:

  • volo interno Almaty-Astana
  • early check in giorno 1, camera disponibile sin dall'arrivo in hotel
  • trasferimenti privati come da programma
  • sistemazione negli hotel selezionati o similari con trattamento di pensione completa
  • visite ed ingressi ai siti come da programma
  • guida locale in inglese in Kirghizistan e Kazakistan
  • 1 litro di acqua minerale per persona al giorno
  • Polizza assicurativa medico bagaglio Filo Diretto con massimale di € 10.000 (termini di polizza e condizioni nella sezione contatti)
  • kit da viaggio

I commenti sono chiusi