Grand Tour Uzbekistan 2020

DURATA: 10 giorni / 9 notti


TIPOLOGIA: tour di gruppo minimo 6  partecipanti con partenze a date fisse


CODICE ITINERARIO: 16786



1° giorno: Tashkent
Pensione completa con cena in ristorante locale.
Arrivo notturno dall'Italia, generalmente verso l'1 del mattino. Trasferimento in hotel e camere a disposizione sin da subito con servizio di early check in. In tarda mattinata incontro con la guida in lingua italiana che vi seguirà per tutto il viaggio, e inizio della visita città: Piazza Khast Imam, che con le sue moschee rappresenta il cuore religioso di Tashkent, la Madrasa Barak Khan e passeggiata nell'animato Bazar Chorsu -ovvero “incrocio” o “quattro flussi” dalla lingua persiana, ed è qui che si incontrano gli abitanti della città per gli acquisti di tutti i giorni-. Nel pomeriggio proseguimento con la parte nuova della città: Piazza dell'Indipendenza, Piazza del Teatro Alisher Navoi e la Piazza di Tamerlano, Visita di due stazioni della Metropolitana, la settima ad essere aperta nell’Unione Sovietica nel 1977. Rientro in hotel. Pernottamento.

2° giorno: Tashkent/Urgench-Khiva (30 km, 1 ora circa)
Pensione completa.
Di prima mattina partenza in volo per Urgench, punto d'accesso per la visita di Khiva, 30 km a sud dalla città. Khiva è un dono per il visitatore e custodisce silenziosa ed immutabile testimonianze del suo antico splendore. La città è un museo a cielo aperto così ben conservato da essere patrimonio Unesco dal 1990. Il centro storico Ichan Kala, fortezza dai molti minareti circondati da edifici della ricca tradizione architettonica orientale, la Madrassa di Amin Khan e il Bazar; visita della Fortezza Vecchia “Kunya Ark” con le sue piastrelle dai motivi floreali blu e bianchi. Tra gli altri monumenti d'interesse il Mausoleo Pakhlavan Mahmud -poeta, filosofo e lottatore leggendario- , la bellissima Madrassa Islam Kohja del 1908 e il palazzo Tosh-Howvli (casa di pietra) impreziosito da sfarzose decorazioni interne in ceramica, pietra e legno intagliati. Rintro in hotel. Pernottamento.

3° giorno: Khiva – Ayaz Kala – Khiva
Pensione completa con pranzo in campo yurte.
Partenza per Elliq Kala district, con la visita delle rovine di Toprak-Kala (III-II sec.) e Ayaz-Kala (IV-II sec.). La fortezza di Ayaz-Kala, una delle più grandi dell’Antico Khorezm, risalente al II secolo d.C., è un vero e proprio complesso di fortificazioni nel deserto. Toprak Kala, la “fortezza di fango”, è inimmaginabilmente estesa e strategicamente posizionata; gli scavi mostrano un palazzo reale particolarmente ricco, composto in gran parte di sale da cerimonia. Il centro archeologico di Toprak Kala è una testimonianza della cultura di Khorezm, fiorita dal I al VI secolo d.C. e scoperta nel 1938; si possono tuttora distinguere la pianta rettangolare della città, i resti del palazzo del governatore, il Tempio del fuoco, le strade e i blocchi di case. Proseguimento per il campo yurte per il pranzo, esperienza piacevole e privilegiata che consentirà di avvicinarsi agli usi e costumi locali. Rientro a Khiva nel pomeriggio e visita della bellissima Moschea Juma, con le sue 218 colonne di legno le cui basi sono intagliate con scritte cufiche risalenti al X-XI secolo. Pernottamento.

4° giorno: Khiva – Bukhara (in treno)
Prima colazione in hotel, pranzo al sacco e cena con spettacolo folcloristico,
Trasferimento per la stazione e partenza per Bukhara in treno (08:57-14:50). All’arrivo inizio della visita città, il cui centro storico è praticamente intatto e tutt'ora abitato. Patrimonio Unesco dal 1993, è un'affascinante labirinto di madrase, botteghe, laboratori artigiani e palazzi storici. Passeggiata nei bazar coperti di Toki Telpak Furushon e Toki Safaron. Si prosegue con il Magok I –Atori, ex monastero buddista divenuto moschea che introduce al complesso Lyabi-Hauz, bella piazza attorno a una grande piscina, il cuore e il centro catalizzatore della città. Accanto alla piazza si distinguono la Madrassa Kukeldash e la Madrassa Divan-begi, accanto alla quale si trova un khanaka, antico rifugio per Sufi itineranti. Rientro in hotel. Pernottamento.

5° giorno: Bukhara
Pensione completa.
Intera giornata di visita della fortezza di Ark, l’antica città reale, del prezioso mausoleo di Ismail Samani del 905 -uno dei monumenti più raffinati del paese, luogo di riposo del fondatore della dinastia Samanide, ultima dinastia persiana a regnare in Asia Centrale- e del Chashma Ayub -luogo sacro con l’acqua della “sorgente di Giobbe”, ritenuta curativa-. Si prosegue con il complesso Poi-Kalyan con il suo bellissimo minareto, il bazar coperto, che ricorda gli antichi negozi e le case dei mercanti di cappelli e gioielli. Rientro in hotel. Pernottamento.

6° giorno: Bukhara
Pensione completa.
La giornata inizia con la visita ai Quattro Minareti, (Chor Minor) uno dei simboli della città, e al Sitora-I-Mohi Khosa, residenza estiva dell’ultimo emiro di Bukhara. Visita al complesso Bakhauddin Nakshbandi, luogo di sepoltura di uno dei padri fondatori dell’Islam, e sosta al memoriale di Chor Bakr, la necropoli di famiglia degli Sheykh Sufi Djuybar. Rientro a Bukhara per tempo lbero da dedicare allo shopping o al relax. Pernottamento.

7° giorno: Bukhara – Samarcanda (260 km, 5 ore circa)
Pensione completa.
Partenza per Samarcanda, all’arrivo sistemazione in hotel. Nel pomeriggio visita di Marakanda, come la chiamavano i Greci. Samarcanda è la città più antica e conosciuta dell'Asia Centrale, fondata nel V secolo a.C. presso un'oasi nella valle del fiume Zervashan, divenne fiorente centro di commerci sulla Via della Seta sin dall'antichità. Sottomessa dai persiani, conquistata da Alessandro Magno, depredata da Gengis Kahn e resa immortale da Tamerlano, Samarcanda nell'immaginario è ancora così potente e splendida da essere immortale. Si inizia con il Mausoleo di Gur Emir, che ospita la vera tomba di Tamerlano e quelle dei suoi familiari e rappresenta un importante esempio nell'architettura islamica, modello e precursore delle grandi tombe Moghul indiane tra le quali il famosissimo Taj Mahal di Agra. Visita al centro di manifattura della carta Meros; prodotta sin dall'antichità dal gelso, la carta di Samarcanda era famosissima in Asia per qualità e durata. Si prosegue con l'Osservatorio di Ulugbek, regnante ed astronomo nipote di Tamerlano; i suoi studi -contenuti nelle tavole di Zīj-i Sultānī- stabilirono la durata dell'anno tropico in 365 giorni, 5 ore, 49 minuti e 15 secondi (errore di 25 secondi rispetto al calcolo attuale) e l'inclinazione assiale della terra in 23°52 (valore tuttora confermato). Rientro in hotel. Pernottamento.

8° giorno: Samarcanda
Pensione completa.
Si prosegue con la bellissima Piazza Registan, cuore della città, con le sue imponenti madrase azzurre Ulughbek, Sherdor e Tillya-Kori, la Moschea di Bibi Khanum con il colorato e brulicante mercato Siab ad essa attiguo, Si prosegue con la visita della necropoli dei nobili Shaki Zinda, monumento funebre che non ha uguali in tutta l'Asia centrale, e il Mausoleo di San Daniele, dove Tamerlano fece portare parte delle ceneri del Santo dalla tomba di Sush (Susa) in Iran. Visita del Museo Afrasiab che narra la storia antichissima della città e della provincia persiana di Sogdiana di cui era il cuore.

9° giorno: Samarcanda – Shakhisabz – Samarcanda (180 km, due ore circa)
Pensione completa.
Partenza in auto per Shakrisab ,città natale di Tamerlano, il leggendario fondatore della dinastia Timuride che regnò in Asia Centrale e nella Persia orientale dal 1370 al 1507. Tra i monumenti di Shakhrisabz la residenza estiva di Tamerlano Ak Sarai di cui sfortunatamente sono rimaste solo tracce delle due torri di 65 metri composte di mosaici in ceramica blu, bianca e oro, la moschea blu Kok Gumbaz, la moschea del venerdì, la Casa della Meditazione Dorut Tilyavat e la Cripta di Tamerlano scoperta nel 1963. Il centro storico di Shakhrisabz è incluso nella lista dei siti patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO. Rientro a Samarcanda nel tardo pomeriggio. Pernottamento.

10° giorno: Samarcanda/Italia
Trasferimento per l’aeroporto, in tempo utile per il volo di rientro in Italia.

Sistemazioni selezionate in hotels 4*

Post it

  • Dal 01 febbraio 2019 i cittadini italiani non necessitano di visto d'ingresso per una permanenza inferiore a 30 giorni.
  • Eventuali variazioni relative giorni di chiusura musei/palazzi, potrebbero modificare l’itinerario del programma pur non alterandone il contenuto.
  • Ricordiamo che la classificazione ufficiale delle strutture alberghiere viene assegnata dagli organi competenti locali e non sempre corrisponde alla qualità degli standard ufficiali internazionali.
  • Mance: si consiglia di consegnare 10€ per persona al giorno alla guida, questi includono mancia per la guida stessa, l'autista e il personale di assistenza in loco.

VIAGGIO DI 10 GIORNI/9 NOTTI - MINIMO 6 PARTECIPANTI - SOLO SERVIZI A TERRA

Data Partenza Quota per persona in camera doppia Supplemento Singola
29/04/20 - 05/08/20 - 16/09/20 - 21/10/20 2000 290

La quota comprende

  • Trasferimenti da/per aeroporti e tra le diverse città uzbeke, in automezzo dedicato con aria condizionata
  • Volo domestico da Tashkent a Urgench
  • Treno Khiva – Bukhara (2a classe)
  • Sistemazione in camere doppie negli hotels selezionati, o similari
  • Trattamento di pensione completa come indicato in programma
  • Acqua minerale, 0,5 l per persona per giorno
  • Escursioni ed ingressi come da programma dettagliato in automezzo dedicato con aria condizionata
  • Guida locale in lingua italiana per tutta la durata del tour
  • assicurazione medico-bagaglio Intermundial Multiassistenza Basic (leggere attentamente massimali, termini e condizioni)
  • Kit da viaggio incluso libro-guida

I commenti sono chiusi