In viaggio con l’antropologo – Malesia

Una proposta per caratterizzare, connotare e dunque "vedere" meglio l'originalità del viaggio con l'aiuto dell'antropologo Duccio Canestrini che renderà uniche tutte le tappe programmate, arricchendo ulteriormente la vostra conoscenza con riflessioni serali organizzate.Da Kuala Lumpur, un ambiente multietnico dove le ardite opere architettoniche sono un ricco contrasto di colori, suoni e profumi unici nella loro singolarità. Il cuore del viaggio è senz'altro la natura forte e determinata dell'entroterra che vi lascerà senza fiato.

 

PARTENZA SPECIALE DI GRUPPO CON L'ANTROPOLOGO 07 LUGLIO 2017

1° giorno, PARTENZA DA VENEZIA

2° giorno, KUALA LUMPUR - ARRIVO
Arrivo all'aeroporto internazionale di Kuala Lumpur. Dopo le operazioni di sbarco, incontro con la guida locale in lingua italiana, trasferimento in hotel e sistemazione nelle camere riservate. Alla sera, incontro con la guida e si procede per un delizioso tour di cibo. Kuala Lumpur è famosa per questo. Vi proponiamo una cena alternativa facendo un tour di street food, una grande opportunità per i piccoli gruppi che vorrebbero gustare l'unica cucina malese che si trova solo per le strade e i vicoli di questa fantastica città. Avrete la possibilità di sperimentare i piatti tipici malesi, famosi in tutto il mondo solo per il modo in cui vengono serviti. Metà del divertimento sta nell'esplorare i vicoli e i negozi nascosti, e assaggiare cose che non avreste mai provato per conto vostro. Lungo il percorso, potrete anche conoscere lo stile di vista malese, e acquisire un'esperienza indimenticabile. Quindi, dite addio al 'riso fritto', e salutate l'impressionante cibo malese! Questo tour vi porterà in circa tre (o più) posti - in realtà dipende da quanto riuscite a mangiare! Rientro in hotel. Pernottamento al Renaissance Hotel, Superior camera o simili.

3° giorno, KUALA LUMPUR
Prima colazione in albergo e pranzo. Cena libera.
Incontro con la guida locale e si prosegue per un tour di 7 ore a piedi e con i mezzi pubblici: la cosa bella del camminare è il viaggio stesso, in quanto vi imbatterete in molte cose che non si riuscirebbero a vedere prendendo i mezzi. La giornata inizierà con una visita ad un tipico mercato al coperto e riuscirete a captare lo stile colorato di vita fra la gente del posto. Da qui, si camminerà fino al Masjid India, dove la vostra prossima avventura inizia con l'esplorazione della zona, affettuosamente chiamata come "Piccola India". Più tardi, cammineremo attraverso il Jalan Tun Perak verso la Moschea Jamek, la più antica in città e costruita nel 1909. Qui, si potrà anche vedere la confluenza dei fiumi Klang e Gombak prima di procedere per un autentico pranzo Peranakan al delizioso Old China Café, situato nella vecchia e affascinante bottega che nel 1920 è stata la sede di corporazione dell'Associazione Selangor & Federal Territory Laundry. Dopo pranzo, visita al palazzo del Sultano Abdul Samad che è stato costruito nel 1897 ed è stato a lungo un punto di riferimento per la Malesia e Kuala Lumpur. L'unico edificio in stile moresco è una torre dell'orologio di 41m definito come il "Big Ben della Malesia." Vedrete Dataran Merdeka o la Piazza dell'Indipendenza che viene opportunamente chiamata così perché è in questo luogo che il 31 Agosto 1957 la bandiera malese è stata issata per la prima volta nella storia del paese subito dopo aver ottenuto l'indipendenza dal dominio britannico. Vi sarà anche mostrata la Cattedrale di Santa Maria, che ha aperto il 9 febbraio 1895 ed è stata la prima chiesa in mattoni costruita negli Stati nativi della penisola malese. Da qui, un'altra breve passeggiata per il mercato centrale, che mette in mostra le arti e l'artigianato locali. Visita al tempio "Sze Ya", uno dei più antichi templi cinesi in Kuala Lumpur, al tempio Sri Maha Mariamman, che è il più antico tempio indù funzionale in città e ad uno scorcio di Chinatown, prima di rientrare all'hotel. In serata, incontro con Duccio Canestrini in una sala riservata per un confronto sul tema delle tradizioni viste in senso dinamico (tema anche del suo ultimo libro intitolato Antropop, per Bollati Boringhieri); innovazione e tradizione, il significato degli show etnici, la storia delle regole dell'ospitalità e molto altro. Pernottamento.

4° giorno, KUALA LUMPUR – KUCHING
Prima colazione in albergo. Pranzo e cena liberi.
Alla mattina trasferimento all'aeroporto di Kuala Lumpur e volo per Kuching, capitale del Sarawak, nell'isola del Borneo, la terza isola più grande del mondo, a nord dell'equatore. Arrivo all'aeroporto internazionale di Kuching, disbrigo delle operazioni aeroportuali e sarete accolti nella terra dei bucerotidi, tipici uccelli tropicali e subtropicali! Trasferimento in hotel e sistemazione nelle camere riservate. Alle 14:30 visita alla storica capitale di Sarawak: Kuching.Questo tour include la zona di Chinatown di Kuching, la statua del gatto (Kuching significa "gatto" in malese), il colorato tempio cinese di Tua Pek Kong, il Centro Civico con piattaforma panoramica e il famoso Museo di Sarawak. Il Museo del Sarawak ha una delle migliori collezioni del Sud-Est asiatico. La vecchia ala, aperta nel 1891, è stata progettata secondo lo stile di una città-casa della Normandia. Ospita una collezione etnografica d'eccezione, alcune esposizioni di storia naturale e una sezione sul settore petrolifero in Sarawak. La mostra delle tradizionali sculture in legno, che si trova al primo piano, è magnifica. Ritorno passando per la moschea dalla cupola d'oro della città e per la città vecchia di Kuching, circondati da venditori di spezie e negozi di tessuti. Procedendo per gli edifici storici di epoca White Rajah, il Pavillon (centro commerciale di marche importanti), la torre della piazza, la Court House, il monumento di Charles Brooke e l'ufficio postale. Vedremo l'Astana, l'ex residenza del White Rajah dall'altra parte del fiume sulla riva di Kuching. Alla fine del tour, godetevi un'ora di crociera in pontone (tipica barca da escursione). Pernottamento.

5° giorno, KUCHING – BATANG AI
Prima colazione in hotel. Pranzo durante l'escursione. Cena in albergo.
Al mattino, incontro con la guida italiana nella hall dell'hotel. Partenza per il centro di Semenggoh Orang Utan. Da oltre 20 anni, in questo luogo i guardiani insegnano a giovani oranghi, rimasti orfani o salvati dalla prigionia, come sopravvivere in natura. Il successo di questo programma ha lasciato la riserva forestale circostante con una fiorente popolazione di sani oranghi, sia cuccioli che giovani adulti, che ora crescono in natura. Il programma è stato trasferito al centro Matang Wildlife, ma Semenggoh è ancora casa per i suoi oranghi semi-selvatici e i loro cuccioli. Passano la maggior parte del loro tempo vagando per il bosco, ma spesso tornano al centro per un pasto facilmente reperibile. Se è la stagione di fruttificazione nel bosco, alcuni o addirittura tutti non tornano per essere sfamati. Questo di per sé è un buon segno e un altro passo sulla strada per la piena riabilitazione. Il periodo migliore per visitare Semenggoh è durante le sessioni di alimentazione del mattino e del pomeriggio, quando c'è una buona probabilità di vedere gli oranghi semi-selvatici che tornano al centro per un pasto. L'alimentazione avviene tra le 9.00 e le 10.00 del mattino e tra le 15 e le 15.30 del pomeriggio. Più tardi, si procede via terra per Aiman Batang Ai. Situato ai margini del Parco Nazionale di Batang Ai, questo resort di 100 camere offre una natura incontaminata, circondato dalle vicine comunità tribali e la fauna selvatica che ha fatto di Batang Ai la sua casa. Progettato nello stile tradizionale delle long-houses, il resort offre infinite opportunità di sport e di attività tonificanti o semplicemente relax e pace. Durante il tragitto, sosta alla città di Serian per un tradizionale mercato aperto. Visita di un'azienda agricola che produce pepe, prima di una breve sosta al villaggio di Lachau. Tempo libero per comprare alcuni regali per gli Iban (tribù locale) e botteghe di artigianato. Si procede per il molo di Batang Ai. All'arrivo al molo, trasferimento in barca (15 minuti di viaggio in barca) al Resort Aiman Batang Ai Longhouse, e sistemazione nelle camere riservate. In serata, breve incontro con Duccio Canestrini dedicato alla storia dell'orango di nome Green, sul quale Patrick Rouxel, un regista francese, ha realizzato un film bello e commovente, senza parole, che narra appunto le conseguenze della deforestazione in Borneo e degli oranghi minacciati. Se ne consiglia la visione prima della partenza, oppure lo si può vedere assieme in questa serata per poi commentarlo. Il tema degli oranghi come precursori e portatori di cultura è inoltre molto interessante e appassiona il dibattito tra primatologi (fino a qualche  anno fa si riteneva che soltanto l'homo sapiens fosse in grado di produrre e tramandare tratti culturali, ascrivendo ogni manifestazione analoga da parte delle scimmie antropomorfe alla riduttiva categoria dell’istinto...). Cena e pernottamento.

6° giorno, BATANG AI
Colazione presso il resort. Pranzo alla longhouse. Cena in albego.
Al mattino, partenza con una barca 'long-tail ', barca tradizionale malese (Perahu Panjai) per una visita a Batang Ai Longhouse - una dimora autentica degli Iban locale. Gli Iban, precedentemente noti come Mare Dayak, sono famosi per il loro passato da cacciatori di taglie, le loro long-houses in legno durissimo massiccio, il loro ornamentale corpo tatuato, le loromeravigliose capacità di tessitura, e, naturalmente, il loro potente vino di riso, tuak, che viene sempre offerto ai visitatori. È quasi un crimine andare a Sarawak senza visitare una longhouse Iban. L'ospitalità Iban è leggendaria, e ai visitatori è assicurato il divertimento. Una longhouse è fondamentalmente una strada piena di abitazioni a schiera separate ma coperte da un unico tetto, sotto l'autorità di un capo, o Tuai Rumah. Ogni famiglia vive nel suo appartamento separato, o Bilik, e le attività comuni si svolgono al di fuori sulla veranda, o Ruai. È qui che i visitatori di sesso maschile da soli passano la notte. I visitatori di sesso femminile e le coppie saranno invitati a rimanere all'interno della Bilik con la famiglia. La maggior parte delle longhouses sono occupate, moderne comunità agricole, e le persone indossano abiti pratici come jeans e T-shirt  uando sono al lavoro. Costumi tradizionali e acconciature sono di solito indossati solo per feste speciali come Gawai Dayak (la festa del raccolto Iban, 1 ° giugno), Gawai Antu (il festival degli antenati, molto raro) e matrimoni. Se volete vedere i rituali tradizionali, costumi e danze, a meno che non siate molto fortunati, è meglio andare con un gruppo organizzato. I gruppi di turisti sono di solito accolti con un bicchiere di tuak (vino di riso) e una danza di benvenuto. Vengono poi portati in giro e fatti assistere a vari spettacoli culturali, tra cui la danza e percussioni. Sarete invitati a tentare la danza ngajat. Non cercate di rifiutare, come ospiti sarete tenuti a contribuire al divertimento, proprio come i padroni di casa. Se conoscete qualche danza, canto popolare o poesia del vostro paese, vi farete alcuni amici per tutta la vita, non importa quanto male li eseguirete. Avrete la straordinaria opportunità di esplorare la longhouse e conoscere lo stile di vita di questi amichevoli nativi. Sarete testimoni di una danza tradizionale (ngajat) e di dimostrazioni sull'uso della cerbottana - un'antica arma da caccia dei nativi che getta fuori dardi velenosi con una precisione micidiale. E, naturalmente, potrete gustare il famoso tuak! Il pranzo sarà servito al longhouse. Ritorno a Aiman Batang Ai nel primo pomeriggio. In serata, un terzo incontro con l' antropologo Duccio Canestrini per un breve briefing etnografico sulla storia degli Iban/Dayak, per conoscere meglio questa tribù. Cena e pernottamento.

7° giorno, BATANG AI - KUCHING
Colazione in albergo. Pranzo durante l'escursione. Cena libera.
Dopo la prima colazione, trasferimento al molo in barca e viaggio via terra verso Kuching (circa 5 ore). Pranzo lungo il percorso. All'arrivo, trasferimento all'hotel a Kuching e sistemazione nelle camere riservate. Il resto della giornata libero. Pernottamento.

8° giorno, KUCHING – KUALA LUMPUR
Colazione in albergo. Pranzo in ristorante. Cena libera.
Al mattino, trasferimento all'aeroporto di Kuching; all'arrivo a Kuala Lumpur, si procede alla vicina Putrajaya. Come capitale amministrativa della Malesia, Putrajaya si è posizionata come un'importante destinazione turistica con la sua architettura accattivante e paesaggi pittoreschi. Le strade, ben asfaltate, sono elegantemente arredate con gusto europeo, mentre gli edifici governativi sono una miscela di architettura moderna e arti islamici. Ci sono indubbiamente molti edifici dal design unico da vedere a Putrajaya. La maggior parte degli edifici seguono l'influenza del gusto malese-arabo-islamico, moresco o Mogul, piuttosto che l'unica identità architettonica della Malesia, che si può dire invece presente nella casa del Parlamento, nella moschea nazionale e nel Museo Nazionale di Kuala Lumpur. All'arrivo a Putrajaya, si pranza in un ristorante di pesce in riva al lago. Dopo pranzo, si procede per il Centro Governativo di Putrajaya, dove ci sono numerosi nuovi complessi di governo che si trovano in questo nuovo distretto. La struttura più imponente a Putrajaya è la moschea Putra di colore rosa. La zona accanto a Dataran Putra e di fronte al lago di Putrajaya, incorpora elementi architettonici del Turkestan, del Kazakistan e del Marocco. Un altro edificio accattivante è l'ufficio del primo ministro - Putra Perdana. Altri luoghi interessanti sono il ponte di Putra e la residenza del Primo Ministro. Si prosegue in direzione di Kuala Lumpur, trasferimento in labergo e sistemazione nelle camere riservate. Pernottamento.

9° giorno, KUALA LUMPUR – MALACCA
Colazione in albergo. Pranzo in un ristorante locale.
Si procede alle grotte Batu (25 minuti di autobus), un luogo che non può mancare se si visita la Malesia! Luogo di un tempio e santuario Hindu, le grotte Batu attirano migliaia di fedeli, in particolar modo durante la festa sacra annuale, Thaipusam (il 2017, che dovrebbe essere il 9 febbraio). Situata appena a nord di Kuala Lumpur, la caverna calcarea Batu ha tre principali grotte che caratterizzano templi e santuari indù. La sua attrazione principale è la grande statua del Dio Hindu all'ingresso, il Signore Morughan, oltre ad una ripida scalinata di 272 gradini per vedere, sulla sommità, il panorama mozzafiato della città. Le scimmie si divertono intorno alle grotte, ed è un luogo popolare per gli appassionati di arrampicata. Dipinti e scene di Dei Hindu possono essere visti anche nella Grotta Ramayana. Pranzo in ristorante locale. Dopo pranzo, si procede per Malacca (2 ore), una città patrimonio dell'Unesco. All'arrivo, trasferimento in albergo e sistemazione nelle camere riservate. Si prosegue con l'esplorazione della città a piedi, partendo dalla piazza olandese, nel cuore della città. Vedrete lo Stadthuys ('municipio' in olandese), il Tan Beng Swee (torre dell'orologio), la fontana della regina Vittoria e la famosa Chiesa di Cristo. Si prosegue poi a piedi verso il complesso in collina di St. Paul per vedere il memoriale dell'Indipendenza, la Porta di Santiago comunemente chiamata "A Famosa", le rovine della chiesa di St. Paul dove San Francesco Saverio di Malacca fu sepolto e la replica del Palazzo del Sultanato di Malacca. Proseguendo a piedi verso il fiume Malacca dalla piazza olandese, potrete vedere le case lunghe (long-houses) di Heeren Street e i negozi d'antiquariato a Jonker Street. Una visita al Museo Baba Nyonya è consigliato ma questa visita è facoltativa. Dopo aver camminato fino alla fine della Heeren / Jonker Street, avrete la possibilità di visitare la Harmony Street di Malacca. Qui, si può vedere e visitare il più antico tempio cinese di Malacca e della Malesia ovvero il Tempio Cheng Hoon Teng. Più in basso, si vedrà la moschea Kampong Kling e il tempio di Sri Vinayagar lungo la stessa strada, da cui il nome di "Harmony Street". Se siete in città durante i fine settimana (venerdì e sabato), da non perdere è il mercato straordinario notturno di Jonker Street. Durante il giorno, Jonker Street è un tratto di botteghe di antiquariato, di artigianato, di prodotti alimentari e prodotti locali. Di notte, intorno alle 7, le bancarelle di fortuna si organizzano e dispongono da entrambi i lati della strada vendendo ogni sorta di prodotto che puoi vedere solo al mercato notturno. Durante il week-end, vi consigliamo anche una cena a base di pesce presso lo storico stabilimento portoghese di Malacca. L'insediamento portoghese è una comunità Kristang in Ujong Pasir, cinque km dalla città di Malacca City, Malesia. Il Kristang è un gruppo etnico malese misto, con antenati portoghesi e malesi e talvolta anche indiani o cinesi, sorto durante il periodo coloniale portoghese (16 al 17 ° secolo). Si potrebbe anche provare a organizzare una cena con alcuni membri dell'Associazione Malacca portoghese-eurasiatica per conoscere meglio le loro tradizioni incredibili, i costumi e la storia. Pernottamento.

10° giorno, MALACCA – KUALA LAMPUR
Colazione in albergo e pranzo. Cena libera.
Partenza per Kampung Cantik (20 minuti). Questo tour offre un'eccellente opportunità per vivere lo stile di vita e l'ospitalità del tradizionale Villaggio Malacca. All'arrivo a Kampung Cantik (letteralmente 'bellissimo villaggio'), vi verrà mostrato l'incisione di un albero della gomma. Poi vedrete la palma da olio e conoscerete i diversi usi dell'olio versatile derivato da questa palma. Dopo di che, si potrà partecipare al processo di trasformazione del lattice in fogli di gomma. Sulla passeggiata lungo il villaggio, passerete le pittoresche case di Malacca Kampong, costruite su palafitte. Scoprirete i frutti esotici, la noce moscata e le foglie aromatiche di curry, la citronella, gli alberi del pane e i diversi frutti di stagione, come il durian, il mangostano e altri. Inoltre, all'interno del villaggio, si trova un pezzo di risaia, dove viene effettuata la coltivazione del riso su base stagionale. Vedrete e parteciperete ad alcuni dei passatempi preferiti della gente del villaggio, come la trottola, la realizzazione di involucri con foglie di cocco e la pratica del congkak e del silat - un'arte malese di autodifesa. Durante il viaggio di ritorno, si avrà la possibilità di entrare in una casa kampong tradizionale dove ci sarà data la spiegazione delle loro usanze e tradizioni. Entro la fin e del viaggio, promettiamo, si imparerà una cosa o due cose riguardo il semplice stile di vita delle persone Kampong malesi. Si procede per Kuala Lumpur, pranzo e trasferimento all'aeroporto di Kuala Lumpur per il volo per il rientro in Italia.

11° giorno, ARRIVO A VENEZIA

Sistemazione alberghiera selezionata in tour:
Kuala Lumpur, Hotel Novotel Kuala Lumpur City Centre
Kuching, Grand Margherita Hotel
Batang Ai, Aiman Batang Ai Resort
Malacca, Holiday Inn Hotel

Post it

  • I cittadini italiani diretti in Malesia per turismo non necessitano di visto turistico per periodi inferiori ai 3 mesi. All’entrata nel paese viene rilasciato un permesso di soggiorno di 90 giorni. E’ comunque necessario possedere un passaporto valido almeno 6 mesi e il biglietto aereo di andata e ritorno.
  • Le mance sono una consuetudine obbligatoria. Consigliamo 5€ al giorno per persona durante il tour da consegnare alla guida.

Operativo voli - soggetto a riconferma - con ETIHAD (EY) da ROMA FIUMICINO

Volo Tratta Orario Partenza Orario Arrivo
EY7064 ROMA FIUMICINO - ABU DHABI 10:40 19:30
EY 418 ABU DHABI - KUALA LUMPUR 22:45 10:00+1
EY 411 KUALA LUMPUR - ABU DHABI 19:20 23:00
EY7065 ABU DHABI - ROMA FIUMICINO 02:25 06:20

Operativo voli - soggetto a riconferma - con ETIHAD (EY) da Venezia

Volo Tratta Orario Partenza Orario Arrivo
EY 080 VENEZIA - ABU DHABI 12:00 20:00
EY 418 ABU DHABI - KUALA LUMPUR 22:45 10:20
EY 411 KUALA LUMPUR - ABU DHABI 19:40 23:00
EY 079 ABU DHABI - VENEZIA 02:15 06:50

Viaggio di 11 giorni / 10 notti con voli da Venezia - Minimo 10 partecipanti

Data Partenza Quota per persona in camera doppia Supplemento Singola Tasse aeroportuali
24/02/17 1990 390 290
07/07/17 2290 450 290

Le quote sono state calcolate con la migliore tariffa disponibile ad esaurimento della quale sarà proposto un supplemento.

La quota comprende

  • Voli di linea Etihad via Abu Dhabi
  • Sistemazione in camera doppia negli alberghi indicati con trattamento come da programma
  • Trasferimento da/per l'aeroporto
  • Guida in lingua italiana durante tutta la durata del tour
  • L'antropologo Duccio Canestrini come accompagnatore
  • Assicurazione medico bagaglio e kit da viaggio




I commenti sono chiusi