Vietnam

Terra ricca di contrasti, dove antico e moderno convivono in un fragile, magico equilibrio, il Viet Nam possiede un’integrità e un’identità culturali del tutto speciali, che la rendono meta privilegiata dell’Estremo Oriente.

CAPITALE: Hanoi
POPOLAZIONE: 84,155,874
LINGUA: vietnamita
RELIGIONE: buddisti 66,7%; cattolici 7,7%; religioni sincretiche 5,6%; altri 20%
ETNIA: vietnamiti 87,1%; tay 1,7%; thai 1,5%; hoa 1,5%; khmer 1,4%; muong 1,3%; khome 1,3%; nung 1,1%; meo 0,8%; altri 2,3%
GOVERNO: repubblica socialista
ORA: + 6
CLIMA: varia decisamente tra il Nord e il Sud del Paese. Al Nord l’inverno, da novembre ad aprile, è fresco, a volte anche freddo; l’estate, da aprile-maggio a ottobre, è molto calda e umida con tifoni e alluvioni da metà luglio a fine settembre. Nel Sud da marzo a novembre il clima è subtropicale con acquazzoni di breve durata, da dicembre ad aprile è caldo e molto umido.
CORRENTE ELETTRICA: 220 Volts, 50 Hertz
PREFISSO TELEFONICO: 0084
MONETA: dong
PRINCIPALI AEROPORTI: Tuy Hoa, Dong Tac Airport
Da Nang, Da Nang Airport
PRINCIPALI MANIFESTAZIONI: gennaio – febbraio, tutto il Paese, festa del Tet; segna l'inizio del nuovo anno lunare e l'avvento della primavera;
giugno, tutto il Paese, Doan Ngu; vengono bruciate immagini raffiguranti persone che diventeranno soldati dell'esercito del dio della morte;
aprile, tutto il Paese, festa dei morti, a ricordo dei parenti deceduti
agosto, tutto il Paese, festa delle anime perdute; alle anime senza pace dei morti vengono offerti cibo e doni
LINKS UTILI: www.vietnamtourism.com

TERRITORIO
Sono riconoscibili tre regioni: a nord il Tonchino, con i monti dello Yunnan cinese e il bacino del fiume Rosso; al centro l’Annam, stretta fascia costiera pianeggiante, addossata alla cordigliera Annamita; a sud la pianura della Cocincina, occupata dal delta del Mekong.
Confinante con Cambogia, Laos e Cina, si estende per 1600 km lungo la costa orientale della penisola indocinese. Tre quarti del territorio vietnamita sono costituiti da zone montane e da rilievi collinari e le aree maggiormente coltivate del paese sono il delta del Fiume Rosso a nord e il delta del Mekong a sud.

IMPERDIBILE

  • Ho Chi Minh, conosciuta anche come Saigon, è la città più grande del paese e rappresenta il cuore e l'anima del Vietnam. Tra le principali attrattive vanno ricordate la Pagoda di Giac Lam, la Cattedrale di Notre Dame in stile neoromanico, il Palazzo della Riunificazione, il mercato di Cholon e l'ex ambasciata degli USA. La zona centrale di Ho Chi Minh è imperdibile di domenica e nelle sere dei giorni di vacanza. Le strade sono incredibilmente piene di giovani vietnamiti che vanno in giro in bicicletta e in moto per mettersi in mostra o per conquistare.

 

  • Dalat è una delle più piacevoli città del Vietnam, gioiello della regione degli Altipiani meridionali dal clima fresco e lo scenario verdeggiante. In città, da non perdere la Hang Nga Guesthouse & Art Gallery, soprannominata dai locali Crazy House ('Casa dei Pazzi'): è una gemma della controcultura creata dalla signora Dang Viet Nga (nota come Hang Nga), artista e architetto. Il Palazzo Estivo dell'imperatore Bao Dai è pieno di oggetti artistici di ogni tipo e rappresenta sicuramente una visita interessante. Anche una passeggiata nel vecchio Quartiere francese potrebbe rivelarsi una piacevole sorpresa. La Valle dell'Amore, a circa 5 km dal centro cittadino, è un luogo bizzarro in cui si può affittare una canoa e fare un giro sul lago o prendere a noleggio un cavallo. Si possono fare piacevoli escursioni a piedi, a cavallo o in bicicletta sulle colline intorno a Dalat. Allontanandosi ulteriormente da Dalat, è possibile visitare i villaggi di alcune popolazioni indigene delle montagne, come Lat o Chicken Village.
  • Nha Trang, importante porto di pescatori, resterà ancora per poco un luogo tranquillo, orientata com'è a diventare una caotica località balneare. L'acqua del mare è molto trasparente per cui le attività principali sono lo snorkelling e le immersioni. Nei dintorni di Nha Trang vi sono degli interessanti siti archeologici, come le Torri Cham di Po Nagar, costruite tra il VII e il XII secolo d.C. in un luogo che già dal II secolo d.C. veniva utilizzato come santuario dagli hindu.
  • Hué, la città più bella del Vietnam, fu la capitale del paese dal 1802 al 1945 ed è sempre stata considerata il centro culturale, religioso ed educativo del paese. All'interno dell'enorme Cittadella, circondata da un fossato e costruita dall'imperatore Gia Long a partire dal 1804, vi sono numerosi luoghi e oggetti di particolare interesse, come per esempio i nove cannoni sacri, la Città Imperiale, il Palazzo dell'Armonia Suprema e la Sala dei mandarini. Sfortunatamente, l'affascinante Città Purpurea Proibita fu seriamente danneggiata durante la guerra del Vietnam. Circa 15 km a sud di Hué sono situate le Tombe imperiali e in città vi sono numerosi altri luoghi di importanza religiosa e storica nonché musei interessanti.
  • La Baia di Halong, costellata da 3000 isole, è una delle meraviglie naturali del Vietnam. Sugli isolotti innumerevoli spiagge e grotte scavate dal vento e dal mare, la più spettacolare delle quali è quella di Hang Dau Go, costituita da tre ampie cavità. Il nome Ha Long significa 'luogo dove il drago si è inabissato nel mare', e si riferisce a una leggenda in cui si narra di come un drago abbia creato la baia e le isole dimenando la sua coda. La principale attività turistica della zona è naturalmente la visita della baia. La città più importante delle regione è Halong City, divisa in due parti. Halong City Ovest, costruita su un'isola, è sicuramente più pittoresca di Halong City Est, sulla terraferma.
  • Hanoi, la capitale del paese, più piccola, austera e verdeggiante di Saigon, ricorda in qualche modo una città della provincia francese. Le principali attrattive comprendono il pittoresco Tempio della Letteratura, risalente all'XI secolo e sede della prima università del paese, il Vecchio Quartiere del XV secolo, alcuni laghi e pagode incantevoli e il Mausoleo di Ho Chi Minh.
  • Ha Tien, sul Golfo della Thailandia, è famosa per le spiagge bianche, l'acqua tiepida e i pittoreschi villaggi di pescatori. Degni di nota sono anche l'eccellente cucina a base di pesce, le piantagioni di pepe nero e le imponenti formazioni calcaree che ospitano un sistema di grotte, molte delle quali sono state trasformate in templi rupestri.
  • Il Monte Sam è situato all'interno del delta del Mekong, in una zona nota per le sue innumerevoli pagode e per i suoi templi rupestri. Assai frequentati da pellegrini e turisti cinesi, i santuari ospitano tombe e splendidi esempi di arte tradizionale vietnamita.
  • Hoi An, importante porto fluviale a sud di Danang, è una città storica, dotata di gran fascino. Un tempo accoglieva i velieri di mercanti olandesi, portoghesi e giapponesi e mantiene tuttora questa atmosfera di tempi passati, con i suoi quasi 850 magnifici edifici di grande valore storico e le incantevoli stradine affollate di pagode, case dei mercanti, palazzi pubblici e un intero isolato di case porticate francesi.
  • Sapa, a un'altitudine di 1600 m in una zona remota degli Altipiani nord-occidentali, lascia senza parole chi la visita. Stazione climatica costruita dai francesi nel 1922, gode di un clima mite e mantiene ancora vive le usanze delle minoranze etnico-linguistiche che vivono nei dintorni. Il mercato che si tiene il sabato è sicuramente il luogo migliore per acquistare souvenir e manufatti.

FORMALITA’ D’INGRESSO
I viaggiatori di nazionalità italiana devono essere muniti di visto d'ingresso, che consente una permanenza massima di un mese, e che sarà necessario richiedere prima della partenza, poiché attualmente non si possono ottenere visti all'arrivo. Ai fini del rilascio occorre presentare, un apposito formulario compilato, 4 fotografie formato tessera e il passaporto con una validità residua di almeno sei mesi.
Per le formalità riguardanti bambini e cittadini non italiani consultare il sito http://www.poliziadistato.it/pds/cittadino/passaporto/passapor.htm

VIAGGIATORI DISABILI
Sfortunatamente il Paese non è attrezzato per ospitare al meglio i viaggiatori disabili che potrebbero trovare enormi difficoltà anche negli spostamenti oltre che negli alloggi.

SALUTE
Non è richiesta nessuna vaccinazione. Come in ogni viaggio è consigliabile essere in regola con le vaccinazioni antitetanica per eventuali ferite. E' consigliabile bere solo da bottiglie sigillate; è bene evitare di usare ghiaccio nelle bevande perché può provenire da acqua non pulita. E' consigliabile informarsi sempre se l'acqua dei servizi è potabile, in caso contrario lavarsi anche i denti con acqua minerale. Bisogna cercare di mangiare di preferenza cibi caldi e appena cucinati, in modo da ridurre il più possibile la contaminazione esterna; evitare la frutta che non può essere sbucciata, le verdure crude, le salse con uova, i gelati e i succhi di frutta freschi, soprattutto i frutti di mare, i latticini freschi, il latte non bollito o non confezionato, la carne cruda.

CUCINA
La cucina vietnamita è particolarmente varia: si dice che vi siano almeno 500 piatti tradizionali, da quelli a base di carni esotiche come quelle di pipistrello o cobra fino alle ricette vegetariane spesso cucinate per contenere la stessa carne e il pesce. Il piatto classico vietnamita è però costituito da riso in bianco accompagnato da verdure, carne, pesce, spezie e intingoli vari. Tra gli spuntini più comuni vi sono gli involtini primavera e le frittelle di riso, oltre alle zuppe con anguille e vermicelli, pollo spezzettato e speziato. Tra i frutti più singolari ricordiamo il frutto del drago verde, il jojoba, i cachi, il longan, il mangostano, il pompelmo, la ciliegia a tre semi e la mela d'acqua.
Una bevanda molto rinfrescante da gustare in Vietnam è il latte di cocco. Un'altra specialità, questa volta alcolica, è il vino di serpente (ruou ran): vino di riso nel quale si trova un serpente sottaceto. Si trovano facilmente anche bevande a base di cola, limonate e birra d’importazione.

SHOPPING
Nei piccoli mercatini si acquistano ottimi prodotti d’artigianato. Ad Hanoi, nella strada dell’argento chiamata Han Bac, gli artigiani creano squisiti oggetti in oro e argento, spesso mescolati insieme. Ai piedi di Ngu Hanh Son, la montagna di marmo a Da Nang, i villaggi di Khoan Khoai e di Hoa Khe sono noti per la fabbricazione di piccole sculture e oggetti in marmo. Famosa la lacca, ottenuta dall’albero di sumac, coltivato nella zona di Phu Tho: resistente e dagli splendidi colori, è utilizzata per decorare vasi, scatole e mobili. Molti villaggi sono famosi per la produzione di ceramiche; Bat Trang presso Hanoi vanta una tradizione antichissima risalente al XV secolo. Di grande e antichissima tradizione la fusione e la lavorazione del bronzo nella provincia di Quang Nam. I ricami, un tempo utilizzati solo dai più ricchi e per l’addobbo di templi e pagode, sono oggi più diffusi; infine sono a volte bellissimi gli oggetti in paglia, bambù e altre fibre intrecciate.

 

I commenti sono chiusi