Olanda

L'Olanda è riuscita a coniugare le sue inclinazioni libertarie con un'organizzazione tra le più disciplinate al mondo, il tutto in seno a una società che riesce a essere radicale e ragionevole senza essere né frivola né noiosa. Villaggi immersi in scenari bucolici di verdi prati, con animali al pascolo e mulini a vento, città ricche di storia e di arte ma affacciate sul futuro; placida tranquillità delle campagne e culla europea della trasgressione: questi sono i Paesi Bassi.

CAPITALE: Amsterdam
POPOLAZIONE: 16.357.000
LINGUA: olandese, frisone
RELIGIONE: cattolici 31,9 %, protestanti 23 %, musulmani 4,3 %, non religiosi/atei 38 %, altri 2,8 %
ETNIA: olandesi 80,9 %, indonesiani 2,4 %, turchi 2,2 %, surinamesi 2 %, marocchini 1,9 %, belgi 0,7 %, altri 9,9 %
GOVERNO: repubblica
FUSO ORARIO: come l'Italia
CLIMA: clima marittimo temperato, dagli inverni freschi e in genere nebbiosi e dalle estati miti. Il paese è piuttosto piovigginoso, in particolar modo in autunno e in primavera. Tuttavia, a causa del territorio pianeggiante si possono verificare rapidissimi cambiamenti di clima appena il vento inizia a soffiare
CORRENTE ELETTRICA: 220 volts, 50Hz
PREFISSO TELEFONICO. 0031
MONETA: euro
PRINCIPALI AEROPORTI: Amsterdam, Schipol Airport
Rotterdam, Rotterdam Airport
Utrecht, Soesterberg Airport
Maastricht, Maastricht Aachen Airport
PRINCIPALI MANIFESTAZIONI: giugno, Amsterdam, Festival Olandese; giugno, L'Aia, North Sea Jazz Festival; agosto, Amsterdam, Festival dei canali
LINKS UTILI: www.olanda.com

TERRITORIO
Costituito da un vasto bassopiano, difeso verso il mare da un imponente sistema di dighe, argini e canali, il territorio olandese confina ad est con la Germania e a sud con il Belgio e si affacciano a nord e a ovest al Mare del Nord. Il fiume più importante è il Reno, collegato alla Mosa e a tutte le principali idrovie dell’Europa centrale.

IMPERDIBILE

  • Amsterdam, capitale del Paese situata nella provincia dell'Olanda settentrionale, è chiamata Venezia del Nord per le sue palafitte, su cui è interamente edificata, per la novantina di isole che la compongono e per i suoi molti canali superati da circa 500 ponti. Centro di Amsterdam è la piazza del Dam, cui fanno capo due vie sempre animatissime, la Karvestraat e il Damrak, interamente occupate da eleganti negozi, alberghi, ristoranti e sui cui lati si innalzano due dei più insigni monumenti della città: il classicheggiante Palazzo Reale e la tardogotica Chiesa Nuova, Nieuwe Kerk, del XV secolo. Poche le testimonianze medievali; tra le altre la Chiesa Vecchia -Oude Kerk-, la Torre delle Piangenti -Schreierstoren- e una delle antiche porte della città, detta di Sant'Antonio. Assai più ricche sono le architetture religiose barocche, tra cui la Chiesa dell'Ovest -Westerkerk-, in cui è sepolto Rembrandt, la Chiesa del Nord -Noorderkerk-, quella del Sud -Zuiderkerk- e quella dell'Est -Oosterkerk-, oltre alla Sinagoga dei Portoghesi. La città è un grande centro culturale, sede di università dal 1632, dell'Accademia Reale delle Scienze e soprattutto di vari musei di cui tre di eccezionale importanza: il Rijksmuseum, la più importante raccolta di arte olandese con la celeberrima Ronda di notte di Rembrandt e con il Gabinetto delle stampe, tra i più importanti del mondo nel suo genere; il Rijksmuseum Vincent Van Gogh e lo Stedelijk Museum.
  • Groningen, capoluogo della provincia omonima, era centro fiorente nel XIII secolo per gli intensi commerci con l'Inghilterra e conserva un bel nucleo medievale attorno alle due piazze del Mercato Grande -Grote Markt- dove sorgono il Municipio (1774-92) e la Parrocchiale di S. Martino, e del Mercato del pesce -Vismarkt- dove sorge un’altra cattedrale, l'Aakerk, comprendente un nucleo romanico-gotico e rimaneggiamenti quattrocenteschi. Numerosi sono gli edifici pubblici e le case di abitazione dei secoli XVI e XVII; il Groninger Museum voor Stad en Lande conserva collezioni di interesse locale e dipinti di Rembrandt, Rubens, Jordaens, Fabritius.
  • Haarlem, capoluogo della provincia dell'Olanda settentrionale presso le coste del Mare del Nord, è il maggior mercato olandese per l'esportazione di bulbi da fiore e di tulipani. Della cinta medievale resta la turrita Porta di Amsterdam. Al centro della città antica si apre la piazza del mercato, con il Municipio, il mercato delle carni, capolavoro dell'architetto Lieven de Key (1597-1603) e la chiesa di S. Bavone o Chiesa Grande, tipico esempio di architettura tardogotica brabantina con grande torre campanaria in legno. Altre notevoli chiese sono la Bakenesserkerk, tardogotica, e la seicentesca Chiesa Nuova. Tra gli edifici civili degni di rilievo la Pesa Pubblica (1597), la St. Adriaansdoelen (1562), la St. Jorisdoelen (1591). Numerose le case di abitazione dei secoli XVII e XVIII. Haarlem fu sede di una celebre scuola di pittura (sec. XVII e XVIII) che, con Frans Hals, divenne la prima scuola nazionale di pittura olandese. Il Teyler Museum è noto per la sua ricca raccolta di disegni e di stampe, tra cui 25 disegni di Michelangelo.
  • L’Aia è la sede del Governo, il centro politico e amministrativo del Paese e la residenza dei sovrani. Sorge 50 km a sud-ovest di Amsterdam, sotto il livello del mare da cui la difende un cordone di dune sabbiose e maestose dighe. Il maggior complesso monumentale dell'Aia è costituito dall'insieme degli edifici del Binnenhof, con la duecentesca Ridderzaal, o Sala dei cavalieri, in cui ogni anno il sovrano apre in seduta congiunta la nuova sessione dei due rami del Parlamento. L’Aia vanta poi belle case patrizie ed edifici pubblici, civili e religiosi di sobria eleganza, quali l'Oude Stadhuis (il Municipio Vecchio, del sec. XVI); la Grote Kerk (Chiesa Grande o di S. Giacomo), eretta nella seconda metà del Quattrocento, uno dei migliori esempi dello stile tardogotico olandese, come pure la posteriore Klosterkerk (Chiesa del Chiostro); il Koninklijk Paleis, l'antico palazzo reale eretto nel 1553; il palazzo del Mauritshuis e l'ex Palazzo Reale (circa 1640), begli esempi di classicismo. Completano il quadro artistico della città le notevoli raccolte pittoriche del Mauritshuis (opere di maestri olandesi e fiamminghi dal sec. XV al sec. XVII, tra le quali alcuni celebri capolavori come la Lezione di anatomia di Rembrandt e la Veduta di Delft di J. Vermeer), del Gemeentemuseum (arti decorative e industriali e arte moderna con la raccolta di opere di P. Mondrian) e del Museo Mesdag (maestri francesi e olandesi dell'Ottocento).
  • Maastricht, la città più antica del paese, si trova in fondo alla sottile striscia di terra fra Belgio e Germania. La storia della città inizia nel lontano 50 a.C., quando i Romani si accamparono sulle rive del fiume Mosa. Le mura di fortificazione circondano ancora parzialmente la città e nella periferia occidentale della città è possibile esplorare un labirinto di 10 km di gallerie.
  • Rotterdam, 20 km a sud dell'Aia, è il porto più attivo e attrezzato del mondo. La città è un vero museo di architettura moderna a cielo aperto ma mantiene ancora la vecchia atmosfera olandese nei tipici ristoranti e nei bistrot dei marinai. Il maggior monumento cittadino è la Chiesa di S. Lorenzo, di stile gotico, terminata intorno al 1511 e fiancheggiata da un bel campanile. Al XVII secolo risalgono il monumento a Erasmo e la Schielanderhuis. Moderni sono la Borsa, la fabbrica Van Nelle e alcuni monumenti di O. Zadkine, M. A. Andriessen e N. Gabo. Da prendere in considerazione il museo Boymans van Beuningen, di fama internazionale per le opere di Brugel, Rembrandt, Rubens, Dalì e Magritte, e l’Historisch Museum Het Schielandshuis, costruito tra il 1662 e il 1665, con le collezioni storiche della città.
  • Utrecht, capoluogo della provincia omonima situato a sud di Amsterdam, è una tranquilla e antica cittadina  ricca di passato, ma con una vita culturale modernissima. Al suo interno si possono fare lunghe e rilassanti passeggiate percorrendo i numerosi canali che l’attraversano e i vicoli del centro storico. Il maggior monumento è il Duomo, sorto nel VII secolo e ricostruito in forme gotiche dal 1254. Da vedere anche il Van Speelkok tot Pierement con orologi, organi e carillon che vanno dal XVIII secolo a oggi e il Central Museum.
  • Leiden, nella provincia dell'Olanda Meridionale, è l'antica Lugdunum Batavorum dell'epoca romana; in epoca medievale la città prese a svilupparsi intorno alla rocca romanica del 1156, di cui resta il muro perimetrale. La chiesa più notevole è S. Pancrazio (Hooglandsekerk), grande edificio tardogotico brabantino a tre navate. Tardogotiche sono anche la chiesa di S. Pietro e quella di S. Luigi, con facciata del 1539. Della fine del Cinquecento è il bel municipio rinascimentale. Un gran numero di chiese, di palazzi pubblici e di dimore private del Seicento, di un sobrio classicismo, caratterizza la città.
  • Hoge Veluwe è il più grande parco della nazione e ospita il meraviglioso Kröller-Müller Museum; ricopre 5500 ettari di terra ed è una singolare miscela di foreste e boschi, sabbie mobili e brughiere. Questa è l'unica località olandese che riesce a suscitare una sensazione di isolamento, sconosciuta in tutto il resto dell'affollatissimo paese. Il Kröller-Müller Museum vanta ben 278 opere di Van Gogh e una collezione meno numerosa di opere di Picasso e Mondriaan. Sul retro del museo si trova il piú grande giardino di sculture d'Europa che ospita opere di Rodin, Moore, Giacometti e molti altri.

FORMALITA' D'INGRESSO
Al cittadino italiano per visitare l'Olanda è sufficiente la carta d’identità valida per l'espatrio. Per le formalità riguardanti bambini e cittadini non italiani consultare il
sito http://www.poliziadistato.it/pds/cittadino/passaporto/passapor.htm

VIAGGIATORI DISABILI
In Olanda trasporti, musei, attrazioni, non sempre sono accessibili ai disabili anche se si sta cercando di migliorare la situazione di anno in anno. Ad Amsterdam la situazione è senz'altro di buon livello.

SALUTE
Non è richiesta nessuna vaccinazione. Come in ogni viaggio è consigliabile essere in regola con la vaccinazione antitetanica per eventuali ferite e prendere le normali precauzioni.
       
CUCINA
La cucina olandese è abbastanza semplice, a base di carne, patate e verdure, ed è ampiamente influenzata da ricette e ingredienti delle vecchie colonie. I piatti tipici sono lo hustpot a base di patate, carote, cipolle e carne, il boerenkool met vorst, patate schiacciate con cavolo e salsiccia, i pannekoeken, una pasta a base di farina, latte e uova, e la erwtensoep, la zuppa di piselli. I formaggi olandesi, quelli di Gouda e di Edam in particolare, sono conosciuti e apprezzati in tutto il mondo. Altre specialità, poco conosciute al di fuori dei confini nazionali, sono le kroketten, specie di crocchette di carne, e le maatjes, aringhe mangiate crude. Le bevande più consumate sono il caffè e il latte, di cui l’Olanda è uno dei maggiori produttori mondiali. Tra gli alcolici la birra è consumata largamente a tutte le ore del giorno. Abbastanza diffusi sono anche i liquori dolci a base di albicocche, arance e caffè.

SHOPPING
L’artigianato locale offre prodotti di alta qualità, come le porcellane di Leida. Tra i prodotti gastronomici i migliori sono il latte e i suoi derivati. Infine gli appassionati di floricoltura visiteranno il Mercato dei Fiori di Amsterdam: tulipani e bulbi restano comunque i ricordi più tipici da acquistare durante un viaggio nei Paesi Bassi
 
 

I commenti sono chiusi