Norvegia

La varietà geografica del Paese è una sorpresa per molti turisti che immaginano la Norvegia come un monolite di ghiaccio. Invece, al sud temperato si trovano campagne ondulate, foreste incantevoli e spiagge soleggiate e spettacolari fiordi occidentali. A Nord del Circolo Polare Artico la popolazione si fa meno numerosa, gli orizzonti si allargano e la temperatura si abbassa. Si passa dagli scogli che toccano il cielo a vaste foreste boreali e a sterili penisole senza neanche un albero. Gli avventurieri possono spingersi più a nord, all'arcipelago Svalbard, dove foche, trichechi e orsi polari prendono il sole sui banchi di ghiaccio. Non sorprende che la Norvegia salvaguardi le sue meraviglie naturali e mantenga una identità indipendente all'interno d'Europa.

CAPITALE: Oslo

POPOLAZIONE: 4.923.530 abitanti (tasso di crescita demografica 0,4%); 97% nordici, alpini e baltici, con una minoranza di lapponi

LINGUA: bokmål, nynorsk e lappone

RELIGIONE: 86% evangelica luterana, 3% altri riti protestanti, cattolica, 1% altre religioni

GOVERNO: monarchia costituzionale

FUSO ORARIO: stessa ora rispetto all'Italia, anche durante i mesi in cui vige l’ora legale
 
CLIMA: Le zone costiere della Norvegia hanno un clima sorprendentemente temperato grazie alla corrente del Golfo, ma nelle regioni montuose dell'interno gli estremi climatici sono più marcati e gli altipiani settentrionali presentano condizioni climatiche di tipo artico. Il periodo migliore va da maggio a settembre, mentre i mesi peggiori sono quelli compresi tra novembre e marzo, quando le temperature medie scendono al di sotto dello zero. Il cosiddetto sole di mezzanotte, quando il sole non tramonta mai, si può osservare dal 13 maggio al 29 luglio a Capo Nord e dal 28 maggio al 14 luglio nelle isole Lofoten. Persino nella Norvegia meridionale il cielo resta chiaro dalle 4 alle 23 in estate. Al contrario, nelle regioni settentrionali il sole non sorge dalla fine di novembre alla fine di gennaio.

CORRENTE ELETTRICA: 220 V, 50-60 Hz

PREFISSO TELEFONICO: Per la Norvegia 0047

MONETA: Corona norvegese (NOK); 1 corona = 100 øre  (centesimi di corona)

PRINCIPALI AEROPORTI: L'aeroporto internazionale di Oslo si trova a Gardermoen. Tutte le città e i maggiori centri abitati hanno aeroporti che prestano servizio sia a livello nazionale che internazionale. Tuttavia, dovete essere pronti a cambiare aereo almeno una volta per raggiungere la vostra destinazione finale in Norvegia.

PRINCIPALI MANIFESTAZIONI: La festività principale è la Festa della Costituzione (17 maggio), quando molti Norvegesi si riversano nelle strade indossando i tradizionali costumi popolari. Un'altra festa molto diffusa è la Vigilia di mezz'estate (in genere il 23 giugno), che viene celebrata con falò sulla spiaggia. La popolazione dei Sami (Lapponi) organizza delle feste molto vivaci in occasione della Pasqua a Karasjok e Kautokeino. Tra le altre manifestazioni ricordiamo la corsa con le renne, il joik (canti tradizionali) e numerosi concerti.   

LINKS UTILI: www.visitnorway.com 

IMPERDIBILE:
Oslo
Oslo è situata in fondo allo Oslofjord, un fiordo all'interno del bacino dello Skagerrak. È la più antica delle capitali scandinave, fondata da Harald Hardråde nel 1050. Dopo essere stata distrutta da un incendio nel 1624, fu ricostruita in mattoni e pietre da re Cristiano IV, che la ribattezzò Cristiania - un nome che è rimasto fino al 1925 quando è stata ripristinata l'antica denominazione.
Oslo è molto tranquilla, pur essendo la città principale della Norvegia. Il centro unisce architettura antica e nuova e ha molti musei, parchi e monumenti. È anche una città facile da visitare, dal momento che la maggior parte dei luoghi di interesse turistico si trova a breve distanza dal centro.
Da non perdere è la Akershus Fortress, una fortezza medievale costruito intorno al 1300. L'Akershus Castle è particolarmente bello e comprende delle prigioni sotterranee, lussuosi piani superiori con sale da ricevimento e sale di rappresentanza, una cappella, ancora utilizzata per cerimonie regali, che contiene le cripte di re Håkon VII e Olav V. Durante la Seconda Guerra Mondiale i nazisti utilizzarono Akershus come prigione e luogo di esecuzioni, e oggi vi si trova anche un Museo della Resistenza, che offre un resoconto dell'occupazione tedesca e della lotta norvegese contro di essa. La zona è circondata da giardini che offrono una splendida vista sulla città e sul porto. In estate vi vengono allestiti concerti, balli e produzioni teatrali.
Il Vigeland Park è una meravigliosa area verde con laghetti e alberi, ideale per rilassanti passeggiate e picnic sui prati. Il viale centrale è fiancheggiato da statue a grandezza naturale realizzate da Gustav Vigeland, un prolifico artista che riproduceva figure umane con varie espressioni e diverse pose. Il pezzo più impressionante è un monolito di corpi contorti, che pare sia la scultura in granito più grande del mondo. Altri luoghi d'interesse artistico sono il National Thetatre, con la ricchissima sala rococò, costruito un secolo fa per mettere in scena i drammi di Ibsen, e il Munch Museum, che contiene oltre 5000 disegni e pitture lasciate in donazione dal più famoso artista norvegese. Il dipinto più celebre di Munch, 'Il grido' (del 1893), si trova nella National Gallery, da dove nel 1994 è stato trafugato per poi essere subito ritrovato. La maggior parte delle strutture ricettive e dei ristoranti di Oslo si trovano in centro o nelle sue vicinanze. La Karl Johans Gate, la strada principale, ha molti negozi ed è un luogo di ritrovo per gli artisti di strada. La vita notturna della città offre il consueto panorama di teatri, musica dal vivo, discoteche, pub.

Bygdøy
È una penisola che ospita alcune delle attrattive principali della capitale, tra cui il museo popolare all'aperto più grande della Norvegia, musei marittimi con navi vichinghe riportate alla luce e il Kon-Tiki, la famosa zattera in balsa di Thor Heyerdahl, oltre a chiese in legno restaurate e un paio di spiagge.

Risør
Questo storico gruppo di case bianche costruite intorno a una piccola baia è uno dei villaggi più pittoreschi della Norvegia. Le isole vicine possono essere visitate prendendo un taxi acquatico poco costoso: una di esse è Stangholmen, che ha un vecchio faro con un ristorante e un bar. Risør si trova sulla costa meridionale, a sud di Oslo.

Norvegia centrale
La parte centrale della Norvegia comprende le principali catene montuose del Paese, i ghiacciai e i fiordi. Non sorprende, dunque, che sia la zona più visitata dalla maggior parte dei turisti.
La storica città di Bergen, con la sua aria acculturata e il basso profilo dei tetti rossi, è la base migliore per esplorare i fiordi occidentali. Da qui si possono visitare Sognefjord, il più lungo (200 km) e profondo (1300 m) tra i fiordi norvegesi; il Hardangerfjord famoso per ilpanorama; il ghiacciaio Jostedalsbreen; le cascate nel Geirangerfjord e Trollveggen, una appuntita vetta spesso coperta dalle nuvole vicino ad Åndalsnes, che rappresenta la sfida per eccellenza per gli alpinisti norvegesi. Inoltre ci sono stazioni turistiche, un bel parco nazionale e strade che attraversano alcuni dei paesaggi più spettacolari del paese. Non bisogna perdersi i 470 km del viaggio in treno da Oslo a Bergen: è l'itinerario panoramico più incantevole della Norvegia, che attraversa catene montuose e il ventoso altopiano di Hardanger.

Tromsø
La 'Porta dell'Artico' è molto diversa dalle sobrie comunità che punteggiano la costa settentrionale della Norvegia. Si tratta di una città vivace con musica nelle strade, eventi culturali e un numero di pub superiore a qualsiasi altra parte del Paese. Le montagne innevate costituiscono un suggestivo scenario per i numerosi edifici d'epoca e per il Tromsø Museum, ottimo luogo per conoscere meglio la cultura lappone.

FORMALITA' D'INGRESSO: I cittadini italiani e dei restanti paesi UE possono visitare la Norvegia con la carta d'identità valida per l'espatrio oppure il passaporto. I minori sotto i 15 anni devono o essere iscritti nel passaporto del genitore che li accompagna o essere in possesso di un proprio documento di identità. La Norvegia fa parte dello "spazio Schengen". La conseguenza più evidente delle disposizioni di Schengen per le persone è che non sono più tenute a mostrare il documento d'identità quando attraversano i confini degli stati firmatari. www.poliziadistato.it

SALUTE: Vaccinazioni consigliate: difterite, tetano, epatite B.
I cittadini italiani che si recano temporaneamente (per studio, turismo, affari o lavoro) in Norvegia (Stato membro dell'Unione Europea) possono ricevere le cure mediche necessarie e urgenti previste dall'assistenza sanitaria pubblica locale se dispongono della Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM) chiamata Tessera Sanitaria. Ogni membro della famiglia dovrà avere la propria tessera. In caso di smarrimento potete richiederne un duplicato alla vostra ASL di residenza. Consigliamo comunque di portare con sé una piccola farmacia da viaggio e di stipulare un'assicurazione sanitaria che preveda, oltre alla copertura delle spese mediche, anche l'eventuale rimpatrio aereo sanitario o il trasferimento in altro paese. www.viaggiaresicuri.it

CUCINA: Le bellezze naturali non sono l’unica cosa che rendono la Norvegia unica: le sue caratteristiche geografiche ed ambientali la rendono il luogo ideale per la produzione di pesce di qualità. La tradizione ittica norvegese, iniziata già all’epoca vichinga, ha tecniche antichissime che, nel tempo, si sono evolute sul piano tecnologico ma non hanno mai perso il senso del rispetto nei confronti dell’ambiente circostante. La Norvegia è uno dei Paesi che può vantare una pesca fra le più ricche al mondo e una costa con condizioni ideali per l’allevamento: oggi infatti la Norvegia è uno dei principali esportatori al mondo di pesce. La cucina norvegese è più calorica rispetto a quella italiana, ciò è causato probabilmente dal clima. I pasti in Norvegia sono abbondanti, con carne o pesce con patate, riso o pasta. I norvegesi sono anche amanti di salse di tutti tipi. A casa un norvegese si affida spesso ai surgellati, in particolare la pizza. La cucina tipica norvegese si basa su pesce come trota, merluzzo e salmone, la carne di solito è maiale o agnello. I ristoranti offrono spesso anche cucina internazionale. Nei fast food si trovano i würstel, o pølser (hot dog) in norvegse. In Norvegia sono due i pasti giornalieri: la prima colazione dalle 7 alle 10, e la cena dalle 16 alle 18. Naturalmente gli alberghi e i ristoranti si addattano alle abitudini dei turisti, offrono infatti pranzi alle 13 e cene dalle 20 alle 23. I norvegesi fanno un pranzo veloce intorno a mezzogiorno, di solito con panini fatti a casa ("matpakke"). La prima colazione consiste spesso di fette di pane, marmelata, salumi, formaggi, latte, café americano e succo di frutta. Il pranzo è breve, come già accennato, per i norvegesi si pranza con matpakke. La cena viene di solito servita su un piatto unico: carne o pesce con verdura e patate. Per dare più sapore si aggiungono salse. I piatti tipici norvegesi comprendono 'laks' (salmone alla griglia o affumicato), 'reker' (gamberi bolliti) e 'torsk' (merluzzo). Diffuso nel periodo natalizio è il 'lutefisk' (merluzzo essiccato e reso quasi gelatinoso con un particolare processo di macerazione), che è sicuramente una ricetta importata dall'estero. Durante la prima colazione vengono spesso serviti un formaggio di capra dolce e scuro chiamato 'geitost' e delle aringhe in salamoia.

SHOPPING: In molte città e villaggi troverete negozi specializzati che offrono sia oggetti d’artigianato tradizionale sia oggetti che, ispirandosi alla tradizione norvegese, presentano un nuovo design. Tra i tipici souvenir norvegesi ricordiamo i famosi maglioni in lana, i cappelli, i guanti e le muffole, gli oggetti in argento, le porcellane, gli oggetti in legno incisi o decorati con la caratteristica pittura a rose, le pelli di capra e renna, i tappeti tessuti al telaio o intrecciati a mano, le pellicce, i ricami, i prodotti in vetro, i cristalli e le ceramiche.

I commenti sono chiusi