Lettonia

Paese in rapida evoluzione con una capitale considerata una delle più belle e vibranti città del Baltico, la Lettonia offre uno scenario suggestivo dove è possibile scegliere di immergersi nel verde di parchi e riserve naturali, tra castelli e antichi villaggi dal fascino tutto particolare, o tuffarsi nelle città per toccare con mano la crescita artistica, culturale e sociale del Paese.

CAPITALE: Riga    
POPOLAZIONE: 2.294.590
LINGUA: lettone, lituano, russo
RELIGIONE: cattolici 14,9 %, protestanti14,6 %, ortodossi 7,6 %, non religiosi/atei 62,9 %
ETNIA: lettoni 58,8 %, russi 28,6 %, bielorussi3,8 %, ucraini 2,6 %, polacchi 2,5 %, lituani 1,4 %, ebrei 0,4 %, altri 1,9 %
GOVERNO: repubblica
FUSO ORARIO: + 1
CLIMA: grazie agli influssi provenienti dal mar Baltico, il clima continentale in inverno risulta mitigato, pur restando rigido. La primavera è breve e tardiva, così come l’autunno cede presto il passo all’inverno.
CORRENTE ELETTRICA: 220 volts, 50Hz
PREFISSO TELEFONICO: 00371
MONETA: lats, diviso in 100 santims
PRINCIPALI AEROPORTI: Riga, Riga International Airport
PRINCIPALI MANIFESTAZIONI giugno, Riga, Gadatirgus; giugno, Riga,  Festival Internazionale di Musica d'organo; luglio, località varie a rotazione, Festival Internazionale di Folklore Baltika; luglio, Sigulda, Festival dell'Opera; agosto, castello di Bauska, Festival di Musica Antica
LINKS UTILI: www.latviatourism.lv 

TERRITORIO
La Lettonia, situata nel mezzo dei Paesi Baltici, mostra un territorio pianeggiante al centro e ondulato a ovest e a est; solcato dalla Dvina Occidentale, con numerosi i laghi e bagnato a nord-ovest dal Mar Baltico.

IMPERDIBILE

  • Riga è una città molto vivace. Nel quartiere storico di Vecriga (Riga Vecchia) ci sono parecchi edifici tedeschi centenari. Prendendo l'ascensore che porta sulla guglia della Chiesa di San Peter, uno dei luoghi più interessanti della città, si gode di una bella vista sul quartiere sottostante. Il Castello di Riga, che risale al 1330 e venne costruito come sede dell'Ordine dei Livoniani, è oggi la residenza del presidente della Lettonia. A est di Riga Vecchia, la città si espande con grandi corsi e con verdi parchi creati nel XIX secolo. La Città Nuova, che circonda Riga Vecchia, risale al XIX secolo e comprende un alternarsi di zone residenziali e zone commerciali.  Il Museo del Motore di Riga, situato a est di Riga Vecchia, espone automobili un tempo appartenenti a luminari sovietici come Gorkij, Stalin, Khrushiov e Breznev accompagnate da figure irriverenti a grandezza naturale dei loro proprietari.
  • Jurmala comprende una serie di piccole cittadine che si estende lungo la costa a ovest di Riga con spiagge, dune, foreste, musei, gallerie, ristoranti, bar e locande.
  • Sigulda, con i suoi dintorni, vanta una serie di castelli medievali e grotte leggendarie distribuiti lungo il tratto più bello della valle del Gauja. Costituisce la via di accesso principale al Parco Nazionale del Gauja ed è anche una piccola stazione di cura e un centro per gli sport invernali. Poco rimane dell'antico Castello, e il Nuovo Castello di Sigulda, costruito nel XIX secolo come residenza dei cavalieri della Spada, è oggi una casa di cura. Le Grotte di Gutmanis e le Grotte di Viktors svolgono una parte importante nel folklore locale.
  • Bauska ha come principale attrazione il suo castello, costruito tra il 1443 e il 1456 come fortezza dei cavalieri livoniani. L'imponente edificio venne distrutto diverse volte durante le battaglie che ebbero luogo tra il XVI e il XVII secolo ma venne sempre ricostruito. Il museo del castello espone diversi oggetti rinvenuti con gli scavi archeologici effettuati durante i lavori di restauro, oltre a una piccola collezione di opere d'arte del XVI e XVII secolo. Nell'altura del castello si tengono alcuni festival di musica antica.
  • 12 km a ovest di Bauska si trova il Palazzo di Rundale, l'attrattiva architettonica principale della Lettonia provinciale, progettato e costruito nel XVIII secolo dall'architetto barocco italiano Bartolomeo Rastrelli.
  • Kuldiga, la cittadina più storica e pittoresca della regione di Kurzeme, era un importante insediamento dei curi, come testimoniano i resti della loro antica fortezza, situati 2,5 km a nord del centro città. Ci sono inoltre un municipio del XVII secolo, un granaio del XVIII secolo, chiese cattoliche, russo-orodosse e luterane, un mulino ad acqua costruito nel 1807, un giardino con sculture e un museo regionale.

FORMALITA' D'INGRESSO
Al cittadino italiano per visitare la Lettonia è sufficiente la carta d’identità valida per l'espatrio. Per le formalità riguardanti bambini e cittadini non italiani consultare il sito http://www.poliziadistato.it/pds/cittadino/passaporto/passapor.htm

VIAGGIATORI DISABILI
Le zone medievali della Lettonia, come di tutte le Capitali Baltiche, possono presentare difficoltà per chi ha problemi di deambulazione: sono frequenti marciapiedi sassosi con cordoni alti, locali pubblici preceduti da scalette strette. Nei centri storici comunque numerose sono le zone a traffico limitato e le vie pedonali. Gli alberghi di più recente costruzione sono fortunatamente privi di barriere.

SALUTE
Non è richiesta nessuna vaccinazione. Come in ogni viaggio è consigliabile essere in regola con la vaccinazione antitetanica per eventuali ferite e prendere le normali precauzioni.
       
CUCINA
La cucina lettone è piuttosto varia: a piatti a base di maiale, agnello e carne di manzo, solitamente insaporiti da funghi e bacche selvatiche, si affiancano pietanze di pesce. Gli alimenti affumicati sono molto diffusi in Lettonia, come i prodotti caseari, le uova, le patate e i cereali. I pesci affumicati come l'anguilla, l'aringa e la sardina sono alimenti base della dieta locale. Le zuppe e le salsicce sono anche molto diffuse. I formaggi locali sono molto saporiti e spesso vengono accompagnati da insalate miste. In estate e in autunno si possono gustare ottime torte e in particolare quelle fatte con frutti di bosco freschi. La birra più bevuta è la Aldaris; famosissimo il Balsamo Nero di Riga, una bevanda molto alcolica (45°) spessa e nerissima dal 1755 sempre prodotta esclusivamente in Lettonia.

SHOPPING
Tra i prodotti locali è molto pregiata l’ambra, utilizzata nella produzione di preziosi; molto belli gli oggetti in legno, le ceramiche e il vasellame, oltre a pelli, profumi, articoli in lino e soprattutto maglioni in stile nordico fatti a mano.

I commenti sono chiusi