Irlanda

L'Irlanda è una splendida isola di cui si apprezza soprattutto il patrimonio ambientale e i suggestivi panorami: luoghi incantati di grande fascino che sembrano fuori dal tempo. Il clima non sempre clemente è compensato dalle innumerevoli sfumature di verde della vegetazione che le valgono il soprannome di “Isola di Smeraldo”

CAPITALE: Dublino
POPOLAZIONE: 5.665.358
LINGUA: inglese, irlandese
RELIGIONE: cattolici 88,4 %, protestanti 4 %, musulmani 0,5 %,
ortodossi 0,3 %, atei 3,5 %, altri 3,3 %
ETNIA: irlandesi 94,1 %, inglesi 2,7 %, statunitensi 0,3 %,
tedeschi 0,2 %, francesi 0,2 %, altri 2,5 %
GOVERNO: repubblica
FUSO ORARIO: da ottobre a marzo -1; da aprile a settembre + 1
CLIMA: Grazie ad un clima mite e temperato, le temperature estive vanno dai 14° ai 20°C, mentre in primavera e autunno si aggirano intorno ai 10° e in inverno tra i 5° e gli 8°. Molto frequenti sono gli acquazzoni, ma di breve durata.
CORRENTE ELETTRICA: 220 Volts, 50 Hertz
PREFISSO TELEFONICO: 00353
MONETA: euro
PRINCIPALI AEROPORTI: Dublino, Dublin Airport; Shannon, Shannon Airport; Cork, Cork Airport; Belfast, Belfast International Airport
PRINCIPALI MANIFESTAZIONI: febbraio, Dublino, Dublin Film Festival; febbraio, Belfast, Belfast Music Festival
marzo, tutto il paese, St. Patrick's Day; giugno, Dublino, Bloomsday; luglio, Galway, Galway Arts Festival; settembre, Sligo, Sligo Arts Festival; settembre, Galway, Galway Oyster Festival; ottobre, tutto il paese, Halloween; ottobre, Cork, Cork Jazz Festival; novembre, Sligo, Sligo International Choir Festival
LINKS UTILI: www.irlanda-travel.com
        www.viaggiaresicuri.it
 
TERRITORIO
L'Irlanda si estende per 500 km da nord a sud e per 300 km da est a ovest; le alture si trovano soprattutto vicino alla costa e quasi tutto il litorale atlantico, da Cork fino a Donegal, è ricco di scogliere e colline. Gran parte della zona centrale è costituita da territori pianeggianti coltivati o da ondulate torbiere e punteggiati da numerosi laghi.
 
IMPERDIBILE
Dublino, capitale dell'Eire, è una città a misura d'uomo. La maggior parte dei principali luoghi di interesse si trova a sud del fiume Liffey che la attraversa.
Il Trinity College, con il Book of Kells, è una tra le prime cose da vedere a sud del fiume. Altri splendidi edifici sono l'imponente costruzione della Bank of Ireland, eretta in origine per ospitare il parlamento irlandese, la Christ Church Cathedral, alcune parti della quale risalgono a una chiesa danese in legno eretta nell'XI secolo, e la St Patrick's Cathedral, che si dice sia stata costruita nel luogo in cui san Patrizio battezzò i suoi convertiti e che risale al 1190 o al 1225. Un altro edificio simbolo di Dublino è il suo castello, più simile a un palazzo che a un forte, costruito per ordine di re Giovanni nel 1204. Una delle zone più vecchie di Dublino è Temple Bar, che ora ospita molti ristoranti, pub e negozi alla moda. Ricordiamo anche il National Museum e la National Gallery.
Belfast, a un primo sguardo grande e brutto centro industriale, è un luogo il cui carattere è segnato in modo determinante dalla politica, dalla storia e dalla religione. Le sue ridotte dimensioni, il traffico scarso e i luoghi di interesse vicini l'uno all'altro la rendono semplice da visitare. Il principale punto di riferimento è Donegall Square, in centro, con il City Hall, vero esempio di guazzabuglio architettonico e la Linen Hall Library, che custodisce un'importante collezione di testi letterari irlandesi; la zona occidentale della città è la parte più povera e citata purtroppo innumerevoli volte nei notiziari; la zona a nord di High Street è la parte più vecchia di Belfast, gravemente danneggiata dai bombardamenti nella Seconda Guerra Mondiale. La Grand Opera House è un altro degli edifici principali di Belfast, assieme all'Ulster Museum, dedicato alla storia e alla cultura. Alla periferia di Belfast sorgono lo zoo, situato in una splendida posizione, il Cave Hill Country Park, il Belfast Castle, che in teoria risale al XII secolo e lo Stormont Castle, in passato sede del parlamento dell'Irlanda del Nord.
Il Burren, regione nella parte settentrionale della contea di Clare, è un luogo straordinario. Lisce formazioni calcaree si estendono per chilometri e sulla costa ci sono pochi insediamenti, tra cui Doolin, famoso centro della musica tradizionale irlandese. Anfratti, fenditure e sorgenti sono gli elementi principali del paesaggio del Burren, punteggiato di grotte e da una vasta quantità di forti formati da un anello di pietra che assieme alle rovine dei castelli aggiungono un tocco di mistero medievale.
Clonmacnoise, nella contea di Offaly, è il sito monastico più importante dell'Irlanda. Si trova in un posto splendido, sulla cima di un crinale affacciato sullo Shannon, e consiste in un campo cintato da un muro e contenente numerose chiese, croci, torri rotonde e tombe antiche. Molte di queste strutture sono in buone condizioni e consentono di avere un'idea di come fossero i monasteri all'apice della loro grandezza.
Il Connemara, spoglia e selvaggia regione che si estende a nord-ovest di Galway, è costituita da un assieme di torbiere, vallate, monti e laghi. Si possono fare splendide camminate sulle vette dei Twelve Bens, che offrono magnifiche vedute del mare e del suo dedalo di isole rocciose, insenature tortuose e spiagge bianchissime, ma è ancora più bello attraversare la Lough Inagh Valley e fare il giro del Kylemore Lake, che offre panorami di una bellezza davvero insuperabile.
Cork è la seconda città dell'Eire in ordine di grandezza. Il centro è situato su un'isola che si trova tra due canali del fiume Lee. La zona a nord del fiume è un'interessante parte storica della città, anche se ora purtroppo un po' trascurata. A sud ricordiamo la St Finbarr's Cathedral, il Cork Museum, il City Hall e numerose chiese, fabbriche di birra e cappelle. Cork vanta anche un ricco programma culturale, tra forme d'arte tradizionali e classiche della Cork Opera House, della Crawford Art Gallery e del Firkin Crane Centre.
Derry vanta un graziosissimo centro costituito da un piccolo agglomerato racchiuso da mura e situato sulla sponda occidentale del fiume Foyle. Le barriere di filo spinato deturpano la bellezza della cinta muraria ma ne evidenziano la storia. Dalla cima delle mura si ammirano bei panorami del Bogside e del monumento chiamato "Free Derry". All'interno della cinta di mura, il Tower Museum racconta la storia di Derry dall'epoca di san Columcille al presente. La St Columb's Cathedral nella città vecchia risale al 1628 e di solito è circondata da filo spinato e sorvegliata dalle telecamere.
Galway, con le sue vie strette e le vecchie facciate in pietra dei negozi, è la città più animata e più popolosa della costa occidentale. Il suo compatto centro si estende su entrambe le sponde del fiume Corrib; la Collegiate Church of St Nicholas of Myra risale al 1320 ed è la più grande chiesa parrocchiale medievale d'Irlanda. Particolarmente interessanti sono le sue tombe. Tra gli edifici in pietra più interessanti ricordiamo il Lynch's Castle e lo Spanish Arch.
Le Isole Aran, Inishmór, Inishmaan e Inisheer, sono vaste distese calcaree con paesaggi lunari di rara bellezza. Particolarmente degni di nota sono i massicci forti medievali di Dún Aengus a Inishmór e di Dún Conchúir a Inishmaan. Alcuni dei monasteri più antichi furono fondati da sant'Eanna tra la fine del IV secolo e il V secolo; i resti ancora esistenti risalgono all'VIII secolo. L'isolamento delle Aran ha consentito alla cultura irlandese di sopravvivere quando altrove era ormai praticamente scomparsa e qui l'irlandese è ancora la prima lingua. Inishmaan è l'isola meno frequentata dai turisti, mentre Inishmór è quella che gode di maggiore popolarità.
Waterford, trafficata città portuale, deve la sua atmosfera decisamente medievale alle sue mura, gli angusti vicoli e la torre normanna detta Reginald's Tower Waterford. Tra le costruzioni più importanti vi sono il City Hall costruito nel 1788 e il Bishop's Palace. Degne di nota sono anche le numerose chiese della città, come la sontuosa Holy Trinity Cathedral.

FORMALITA’ D’INGRESSO
L'Irlanda del Nord e la Repubblica d'Irlanda fanno parte dell'Unione Europea, quindi per entrare è sufficiente la carta d'identità valida per l'espatrio. Per le formalità riguardanti bambini e cittadini non italiani consultare il sito http://www.poliziadistato.it/pds/cittadino/passaporto/passapor.htm

VIAGGIATORI DISABILI
Un numero crescente di sistemazioni e servizi pubblici vengono adottati o costruiti appositamente per rispondere alle esigenze dei turisti disabili.

SALUTE
Non è richiesta nessuna vaccinazione. Come in ogni viaggio è consigliabile essere in regola con la vaccinazione antitetanica per eventuali ferite e prendere le normali precauzioni.

IN VALIGIA
Consigliati abiti informali, a meno che non si voglia soggiornare o cenare in strutture di categoria elevata. Indispensabili indumenti impermeabili e ombrello.
 
CUCINA
Il tipico breakfast a inizio giornata consiste è a base di succo di frutta, porridge (fiocchi d’avena cotti), cereali, uova fritte con pancetta e salsicce, toast o pane con burro e marmellata, té o caffé. Seguono il black pudding e le ottime torte di patate. Ad una colazione così consistente segue un pranzo solitamente leggero, spesso a base di sandwiches. La cena è il pasto più importante della giornata, con piatti curati e nutrienti. Tra le specialità della cucina irlandese troviamo il burro salato, il prosciutto di Limerick cotto al forno, diversi tipi di selvaggina, carne di agnello, il famoso salmone affumicato, il pesce in genere, i crostacei, le aragoste, gli scampi della baia di Dublino e le ostriche di Galway. Il tutto accompagnato da soda bread, pane fatto in casa con una miscela di diverse farine impastate con il latte. C’è anche un’ampia scelta di formaggi di produzione artigianale come il Cashel Blue. La birra scura, accuratamente stillata e servita a temperatura ambiente, è la bevanda tipica irlandese: viene servita in boccali da una pinta (più di mezzo litro) o in bicchieri da mezza pinta. Altra bevanda nota è il whiskey di solo malto invecchiato per un periodo di circa sette anni in botti di rovere. A termine del pasto e alla sera viene spesso servito l’Irish Coffee, caffè bollente con whisky, zucchero e panna.

SHOPPING
L'Irlanda offre una grande varietà di prodotti artigianali regionali molto particolari: ogni cittadina vanta la sua tradizione, dai cristalli di Waterford e Tipperary ai pizzi di Kenmare, alle porcellane di Bellek, anche se i più rinomati sono i capi d’abbigliamento in tweed del Donegal come i maglioni di lana delle Isole Aran. Tipici dell'artigianato contemporaneo sono il buon design, la qualità della lavorazione e una varietà di oggetti che comprende spille celtiche,  fine porcellana, legno di torbiera scolpito.  Per quanto riguarda la gastronomia, gli articoli più tipici sono il salmone affumicato, il whiskey, i formaggi tipici.

I commenti sono chiusi