Bulgaria

Una storia popolare, che ancora oggi si racconta ai bambini bulgari, narra che "durante la creazione del mondo Dio estraeva da un sacco tutte le ricchezze naturali distribuendole ai vari paesi. Quando arrivò il turno della Bulgaria il sacco era oramai quasi vuoto e vedendo che non vi erano altri paesi, Dio decise di darle tutto quello che era rimasto: un po' di montagne, di laghi, di mare, di pianure, di colline, di fiumi"...E così è nata la Bulgaria.

CAPITALE: Sofia
POPOLAZIONE: 7,560,000
LINGUA: bulgaro (ufficiale), armeno, greco, macedone, romeno, turco
RELIGIONE: 3,8% ortodossa bulgara, 12,1% musulmana, 1,7% cattolica, 0,1% ebraica, 2,3% protestante, gregoriana armena, uniate, altre religioni
ETNIA: 83,6% bulgari, 9,5% turchi, 4,6% gitani, 2,3% macedoni, armeni, tatari, circassi, russi
GOVERNO: epubblica parlamentare
FUSO ORARIO: + 1
CLIMA: Clima di tipo continentale nella parte a nord della catena dei Balcani con inverni rigidi (con temperature al di sotto dello zero per lunghi periodi e notevoli precipitazioni nevose anche nelle zone non montuose) ed estati calde e generalmente secche (nei mesi di luglio ed agosto le temperature superano i 30° C), mentre nella Tracia si avvicina a quello mediterraneo. Le mezze stagioni sono generalmente lunghe e caratterizzate da piogge frequenti e repentine variazioni nelle condizioni meteo e nelle temperature.
CORRENTE ELETTRICA: 220 v, 50 HZ
PREFISSO TELEFONICO: 00359
MONETA: Nuovo Lev
PRINCIPALI AEROPORTI: Sofia airport
PRINCIPALI MANIFESTAZIONI: Inizio giugno Festival delle rose a Kazanlak
LINKS UTILI: www.bulgaria-italia.com/bg/
            www.bulgariatravel.org

TERRITORIO
Il territorio della Bulgaria si presenta estremamente variegato. Al suo interno si alternano infatti zone montuose, collinari e pianeggianti. Scendendo da nord verso sud si incontrano la pianura del basso Danubio, e si spinge sino alla pianura fertile della Dobruga, il granaio nazionale; la catena dei Monti Balcani, che divide il Paese in due parti quasi uguali dai confini con la Serbia sino alle coste del Mar Nero sul quale si affaccia con dolci pendii collinosi; la pianura della Tracia superiore, attraversata dal fiume Mariza, per finire con la catena dei Monti Rodopi al confine con la Macedonia e la Grecia.

IMPERDIBILE

  • Sofia. Fondata nel VII secolo a.C., Sofia è la terza capitale più antica d'Europa (dopo Atene e Roma). Ha avuto molti nomi nel corso della sua storia e i resti della città antica sono visibili ancor oggi. Sofia fu in origine un insediamento dei Traci chiamato Serdica o Sardica. Venne conquistata da Roma nel 29 a.C. e divenne la capitale della provincia romana della Dacia Mediterranea. Venne distrutta dagli Unni nel 447. La città fu ricostruita dall'imperatore bizantino Giustiniano I e ribattezzata Triadiza. Nota come Sredec (СРѢДЄЦЪ) sotto i Bulgari, venne rinominata Sofia (che significa "saggezza" in greco) nel 1376. Capitale e maggiore città della Bulgaria, è il principale centro amministrativo, industriale, culturale e dei trasporti di tutto il paese, è anche la città più estesa e densamente popolata della repubblica di Bulgaria. È situata nella parte occidentale del paese, ai piedi del monte Vitoša. La città conta sedici istituti universitari, tra cui l'Università di Sofia, fondata nel 1889. La città è sede di un metropolita ortodosso e di una diocesi cattolica. Tra le attrazioni principali troviamo la chiesa di San Giorgio, la chiesa di Santa Sofia e la cattedrale di Aleksandăr Nevski.
  • Veliko Târnovo. Antica capitale dello stato bulgaro, da visitare lo Tzarevetz: l'antica citta-stato della Bulgaria bassomedioevale. Si può visitare l'intero complesso salendo fino alla chiesa (sconsigliato alle persone anziane) che sorge nella parte più alta del colle, a significare la supremazia della chiesa sul potere temporale. Da lassù si gode una splendida vista della città moderna che sorge di fronte. In particolari circostanze tutto il complesso, di sera, viene illuminato con luci di vario colore che cambiano in continuazione: uno spettacolo veramente fuori dal comune e molto suggestivo.

FORMALITÁ D’INGRESSO
I cittadini italiani e dei restanti paesi UE possono visitare la Bulgaria con la carta d'identità valida per l'espatrio o il passaporto. I minori di 15 anni devono essere muniti del passaporto personale; per ulteriori dettagli rivolgetevi al vostro comune di residenza o alla questura.
Per le formalità riguardanti cittadini non italiani consultare il sito
 http://www.poliziadistato.it/pds/cittadino/passaporto/passapor.htm 

VIAGGIATORI DISABILI
In Bulgaria, come in genere in tutti i Paesi dell' area balcanica, è del tutto assente una qualche forma di sensibilità su questo argomento; sono pertanto da mettere in preventivo marciapiedi sconnessi senza rampe e con scalino d'accesso particolarmente elevato, alberghi con alte e ripide scalinate, mancanza di parcheggi riservati.
Alcuni alberghi di livello inferiore alle tre stelle sono sprovvisti di ascensore, ma essendo oramai quasi tutti a gestione privata, normalmente c'è molta collaborazione da parte del personale a trovare una sistemazione adeguata.

SALUTE
Non è richiesta nessuna vaccinazione obbligatoria per i visitatori provenienti dall’Italia. I cittadini italiani che si recano temporaneamente (per studio, turismo, affari o lavoro) in Bulgaria (Stato membro dell'Unione Europea) possono ricevere le cure mediche necessarie e urgenti previste dall'assistenza sanitaria pubblica locale se dispongono della Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM) chiamata Tessera Sanitaria. Ogni membro della famiglia dovrà avere la propria tessera. Consigliamo comunque di portare con sé una piccola farmacia da viaggio e di stipulare un'assicurazione sanitaria che preveda, oltre alla copertura delle spese mediche, anche l'eventuale rimpatrio aereo sanitario o il trasferimento in altro paese. Si consiglia:in alcune zone del Paese, di bere acqua minerale e bevande in bottiglia, senza aggiunta di ghiaccio; e di consumare frutta e verdura fresca solo dopo averla accuratamente lavata, trattandola con prodotti disinfettanti (tipo amuchina).

IN VALIGIA
Abbigliamento pratico ed informale, qualche capo pesante per la sera anche in estate, scarpe comode, un impermeabile o un ombrello, farmacia da viaggio.

CUCINA
Rinomate le suppe (come le nostre minestre di verdura). Eccellenti tutte le carni. Buoni i formaggi, che dividono in due categorie: sirene (di capra o di pecora, spalmabile, d'aspetto simile al nostro mascarpone o friabile, come la nostra ricotta), dal gusto salato; caciocaval (di mucca).

SHOPPING
Molto famosa in Bulgaria è la Valle delle Rose (Rozovata Dolina) dove si producono una rinomata   marmellata di rose e la rosalika grappa di rose, si trova inoltre ottimo artigianato in legno e manufatti in tessuto per la casa

I commenti sono chiusi