Belgio

Un grande senso della famiglia e un indomito spirito imprenditoriale tengono unito un paese formato da fiamminghi di origine tedesca e da valloni di matrice celtico-latina, divisi dall'orgoglio e dalla lingua. Definito un' “Europa in miniatura” , multiculturale e multilinguistico, il paese vanta una ricchezza di storia, arte, cucina e architettura superiore a molte altre nazioni.

CAPITALE: Bruxelles
POPOLAZIONE: 10.541.893
LINGUA: francese, neerlandese, tedesco
RELIGIONE: cattolici 87,9%; altri 12,1%
ETNIA: belgi 91,7%; italiani 1,8%; francesi 1,1%; olandesi 1%; marocchini 0,8%;turchi 0,4%; altri 3,2%
GOVERNO: monarchia federale costituzionale
FUSO ORARIO: come l'Italia
CLIMA: Normalmente non vi sono estremi climatici, i mesi più caldi sono quelli compresi tra aprile e settembre, ma bisogna essere sempre pronti a cieli grigi e strade umide. La capitale ha clima instabile, umido e piovoso tutto l’anno; le temperature estive non sono troppo elevate e quelle invernali sono relativamente basse. Nelle Ardenne l’inverno è rigido, mentre sulla costa è mitigato dalle brezze marine, accompagnato da frequenti piogge e da venti.
CORRENTE ELETTRICA: 220 volts, 50Hz
PREFISSO TELEFONICO: 0032
MONETA: euro
PRINCIPALI AEROPORTI
Bruxelles, Brussels International Airport Bruxelles, Charleroi - Brussels South Airport
Anversa, Antwerp International Airport
PRINCIPALI MANIFESTAZIONI   
aprile, Bruges, Festival del cioccolato
maggio, Bruges, Processione del S. Sangue
luglio, Bruxelles, Ommegang, sfilata delle corporazioni cittadine
luglio - agosto, Bruges, festival Musica Antiqua
agosto, Bruxelles, Meiboom (albero della gioia)
novembre - gennaio, Bruges, Festival delle sculture di ghiaccio
LINKS UTILI: www.turismofiandre.it

TERRITORIO
Il Belgio è uno dei paesi più piccoli dell'Europa. Alla costa, bassa e orlata da una fascia di dune sabbiose, segue verso l’interno una regione pianeggiante o lievemente ondulata che si estende fino al solco dei fiumi Sambre e Mosa. La parte sudorientale del Paese è formata dai rilievi delle Ardenne.

IMPERDIBILE

  • Bruxelles è costruita lungo un pentagono di viali conosciuto come il Petit Ring, al cui centro si trova la Grand Place, una delle più belle piazze centrali d'Europa. Nei dintorni della Grand Place si trova una serie di musei, gemme architettoniche e curiosità varie. A sud si può osservare la famosa Manneken Pis, la fontana con un bambino che fa allegramente pipì in una piscina sotto di lui. A nord, gli amanti di Tintin non devono perdersi il Centro del Fumetto allestito in un edificio art nouveau progettato da Horta. A est, nei pressi del Palazzo Reale, il Museo di Arte Antica e il Museo di Arte Moderna si completano mirabilmente. Il cuore culinario della città è Rue des Bouchers (Via dei Macellai), nei pressi della Grand Place, dove si possono gustare aragoste, granchi, cozze e pesce in quantità nei ristoranti che si susseguono lungo la via.
  • Anversa, porto di rilevanza mondiale, ha un'atmosfera internazionale e leggermente desolata, mentre le discrete facciate delle case del quartiere ebraico nascondono la più grande e fiorente industria diamantifera del mondo. Poche città riescono a unire così mirabilmente l'antico e il nuovo: eclettiche residenze art nouveau fronteggiano ville neorinascimentali, e castelli medievali formano un magico sfondo per i numerosissimi bar e caffè. Sede della più grande chiesa gotica del Belgio (Onze-Lieve-Vrouwe Katedraal) e città natale di Rubens, Anversa è un luogo ideale per gli appassionati d'arte e d'architettura o per chi adora passeggiare senza meta. Per ammirare una superba collezione dei primi maestri fiamminghi si può visitare il Museo Reale di Belle Arti.
  • Bruges è la città medievale meglio conservata d'Europa e la località più visitata del Belgio, una sorta di “museo vivente” del XIII secolo rimasto fermo a 5 secoli fa a causa dell'insabbiamento del suo fiume. Caratterizzata da due nuclei medievali, il Markt e il Burg, la città vanta anche alcune delle collezioni d'arte più importanti del paese. Il Groeninge Museum ospita la più bella collezione d'arte della città mentre la Stadhuis del XIV secolo, il municipio più antico di tutto il Belgio, ha pregevoli affreschi alle pareti.
  • Gent, dopo Parigi, è la seconda città medievale più grande d'Europa. Storicamente ribelle e industriosa, si trova alla confluenza dei fiumi Leie e Schelda e un tempo fu teatro di lotte armate da parte dei suoi cittadini, adirati contro le pesanti tasse e la restrizione delle libertà civili. Non pittoresca come Bruges, ma in ultima analisi più realistica, come questa ha un belfort dal quale si gode di un bel panorama, mentre nella Sint-Baafskathedral si trova uno dei capolavori di Jan van Eyck, l' “Adorazione dell'agnello mistico”.
  • Le Ardenne, caratterizzate da profonde vallate fluviali e alte foreste, ospitano tranquilli villaggi arroccati nelle valli dei fiumi Meuse, Lesse e Ourthe o costruiti sulla sommità di verdi colline. Fu in questa zona che si combatté la battaglia della Bulge. La città di Namur è la base migliore per visitare la zona.

FORMALITA' D'INGRESSO
Al cittadino italiano per visitare il Belgio è sufficiente la carta d’identità valida per l'espatrio. Per le formalità riguardanti bambini e cittadini non italiani consultare il sito http://www.poliziadistato.it/pds/cittadino/passaporto/passapor.htm

VIAGGIATORI DISABILI
Il Belgio presta grande attenzione alle persone affette da disabilità. Vi sono aeree attrezzate negli aeroporti, parcheggi riservati, rampe, hotel con camere attrezzate ecc. Da tener però presente che la maggior parte dei disabili belgi sono dotati di carrozzelle elettriche con cui potersi muovere autonomamente e che sono in grado di risalire con facilità pendenze e dislivelli che potrebbero essere invece più difficoltosi per chi si muove su una normale carrozzina.

SALUTE
Non è richiesta nessuna vaccinazione. Come in ogni viaggio è consigliabile essere in regola con la vaccinazione antitetanica per eventuali ferite e prendere le normali precauzioni.

CUCINA
La cucina belga, che unisce tradizioni francesi e tedesche, è particolarmente varia e ricca. A colazione le specialità sono le coques (brioches), le cramique (panini dolci alle uvette), le craqueline (panini dolci allo zucchero) e del pane sottile con sciroppo d’acero. Il piatto nazionale belga sono le moules et frites, cioè le cozze servite con le patatine fritte. Particolarmente apprezzati anche la pernice, la fricassea d’oca e il coniglio alle prugne. Ampia la scelta dei formaggi tra cui il Remoudou e il Limburger, quest’ultimo con erba cipollina, prezzemolo e dragoncello. Impossibile non parlare del cioccolato con le sue specialità: i cioccolati bianchi, i fondenti e le praline di numerose varietà. Ci sono molte marche di birra, tutte eccellenti, e dell'ottimo gin.

SHOPPING
Tra gli acquisti tipici i pizzi e i merletti di Bruxelles, gli arazzi, i diamanti, i pezzi di antiquariato, il peltro e l'argento. Di genere culinario le pralines e il cioccolato in generale, i biscotti speculaas, il pane alle mandorle di Destrooper, i biscotti di Dandoy, la birra, l'indivia belga, i cavolini.

I commenti sono chiusi