Personalizzazione

Si fa un gran parlare dei “viaggi su misura” e di personalizzazione. In generale si intendono viaggi individuali organizzati sulla base delle singole esigenze del viaggiatore. Quando si tratta di tour con diversi servizi, anche di guida, questo tipo di viaggio è economicamente più impegnativo. Si sta però facendo strada un modo alternativo. Si propongono partenze a date fisse dove, raccogliendo piccoli gruppi, si ottimizzano le risorse ma, allo stesso tempo, si offre la possibilità di apportare modifiche che rispondono alle diverse aspettative dei viaggiatori. E' con le “individualizzazioni” che si evolve il mercato turistico: in uno stesso itinerario il viaggiatore può scegliere per ogni città visitata la categoria dell'albergo dove alloggiare, può sostituire visite per approfondire i suoi interessi o può ancora combinare, prolungare il soggiorno a seconda delle sue finalità o, addirittura, può scegliere il mezzo di trasporto più adatto. Si aprono nuovo scenari: resta la sola incognita di sapere quali priorità soddisfare e così dare un reale valore aggiunto al servizio. E' chiaro come sia allora indispensabile raccogliere con sufficiente precisione le informazioni e farsi assistere da una consulenza professionale. Il vantaggio di Ubuntu Travel è il team: competente e davvero predisposto per fornire tutta l'assistenza necessaria. Ogni viaggio, in verità, è unico perché il viaggiatore lo rende tale con la propria personalità, con il proprio comportamento e con il singolo approccio. A volte uno stesso viaggio suscita emozioni molto diverse, altre volte il giudizio sullo stesso servizio è addirittura divergente. In effetti ognuno di noi si confronta e si conforta non soltanto con la propria esperienza ma, soprattutto, con le proprie aspettative. Quanto migliore sarà la convergenza tra questi fattori, tanto più appagante sarà il risultato. A volte semplicemente diamo diversi valori ai singoli aspetti. Io viaggio per empatia, viaggiare è parte della mia vita. Non viaggio per evadere o trasformarmi: viaggio perché mi piace sorprendermi.

I commenti sono chiusi