11.01.12-UT:L’evoluzione naturale degli itinerari culturali

Ubuntu Travel ha sempre creduto che il viaggio sia molto più di un semplice verbo di movimento, ma bensì una condizione privilegiata di conoscenza, di confronto, anche interiore e di riflessione. Azione, passione e sentimento, nonostante la crisi, hanno fatto del viaggio un bisogno. Dopo aver perfezionato e ampliato gli itinerari proposti, il TO di Mestre ha recepito le richieste dei viaggiatori che desiderano completare il proprio viaggio prendendosi cura di sé. Così gli itinerari culturali, grazie anche ai voli che permettono comodi collegamenti con molte loro destinazioni, si sono arricchiti di soggiorni balneari in pregevoli località: da Sihanoukville a Ko Samui, da Ma'in a Goa, da Langkawi fino agli atolli maldiviani ed ancora le Isole di Hainan e quella di Phu Coc. L'estate che verrà, rivendica il suo momento di ozio creativo riportando alla ribalta le piccole perle delle Gili e quelle nostrane delle Eolie e delle Egadi, dove le crociere in goletta o catamarano, sono l'incontrastato migliore modo, per vivere una vacanza integrale. L'impegno di Ubuntu in questo periodo è affiancare le agenzie di viaggio nell'educare il viaggiatore ad una maggiore consapevolezza ed una più corretta lettura di ciò che gli viene proposto, al fine di un confronto corretto e non solo dei singoli servizi. Si cerca di sensibilizzare i clienti a valutare i molteplici aspetti a componimento della quota: dalle quote di iscrizioni ai tassi di cambio applicati, dai pasti ad una attenta valutazione delle promozioni che spesso sono vantaggiose perché offrono una limitatissima disponibilità di posti e di periodo. E' ancora troppo diffuso l'uso del “sensazionalismo” sul prezzo, spesso rivelando solo successivamente le effettive modalità rischiando di mettere in pericolo il rapporto con l'agente di viaggio che si trova a dover discutere con il proprio cliente sugli adeguamenti. La personalizzazione parte anche da qui, perché l'offerta sia congruente con la richiesta e le aspettative della clientela.
Turismo & Attualità

 

I commenti sono chiusi