01.06.09 Agenti di viaggio sui banchi di Turismo Fiandre

Conoscere non basta più. Per promuovere con successo una destinazione occorre oggi diventarne specialisti: prova ne è l'iniziativa di qualificazione professionale realizzata dall'ente del turismo delle Fiandre. Ogni due mesi, a partire dallo scorso gennaio, sono state infatti organizzate uscite tematiche per promoter, addetti al booking e product manager, strutturate come veri e propri corsi didattici. Obiettivo: offrire più contenuti a viaggi accostati troppo spesso senza un adeguato livello di preparazione. “La prima fase del progetto si concluderà il prossimo autunno – spiega Giovanna Sainaghi, responsabile commerciale per il Turismo Fiandre – quando proporremo un'ultima trasferta per i dettaglianti delle agenzie di viaggio. La risposta è stata molto positiva, perché forte è l'esigenza di padroneggiare le nuove tecniche di promozione di fronte alla crescita continua della concorrenza e, soprattutto, in risposta a un turismo fai-da-te che in Europa mostra esiti contraddittori: dal marketing alla comunicazione, dalla grafica al visual merchandising, per noi è importante fornire innanzitutto strumenti di lavoro adeguati agli operatori di settore. Se poi questi vengono applicati sulle nostre destinazioni, meglio ancora. L'aver scelto due location suggestive come Gent ed Anversa è stata senza dubbio una mossa felice.” Fra i protagonisti di questo primo esperimenti si sono distinti Caldana International e Ubuntu Travel, cioè due delle realtà più creative nel turismo, in grado di proporre un prodotto mai scontato e d'alto profilo. Merito pure della vivace offerta culturale delle Fiandre, che quest'anno hanno deciso di puntare soprattutto sul tema dell'arte e che, il prossimo 2 giugno, festeggeranno proprio l'inaugurazione a Bruxelles di un museo tematico su Magritte. In attesa dell'ultima partenza “didattica”, prevista per fine settembre o per gli inizi di ottobre, le iscrizioni per gli agenti di viaggio ritardatari sono ancora aperte. (Articolo di Alberto Caspani su Travel Quotidiano del 1 giugno 2009).

I commenti sono chiusi